Milano, doppia investitura per il Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio

Tempo stimato di lettura: 2 minuti

Dalla raccolta fondi per l’emergenza Covid all’attenzione per i più bisognosi, queste le ultime azioni del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, il più antico della Cristianità. Risale alla “Cavalleria aurata costantiniana“, fondata dall’Imperatore Costantino dopo la vittoria su Massenzio a Roma, al Ponte Milvio, che lo rese signore indiscusso dell’Impero Romano.

Sabato a Milano, nella Basilica di San Lorenzo, la cerimonia delle investiture dove il delegato regionale vicario per la Lombardia, Giuseppe Rizzani, ha consegnato all’onorevole Gabriele Albertini, già sindaco di Milano, il riconoscimento di Grande Ufficiale di Merito dell’Ordine Costantiniano e Rappresentante per la Città Metropolitana di Milano. L’architetto sorella Emilia Bruna Scarcella, ispettrice nazionale del corpo delle Infermiere volontarie della Croce Rossa, è invece stata insignita dell’onorificenza di Dama Commendatore di Merito.

Gran Maestro è S.A.R. il Principe Don Pedro di Borbone delle Due Siìcilie e Orleans, Duca di Calabria, Conte di Caserta, Capo della Real Casa

Per la cronaca, attualmente Gran Maestro è il Principe Carlo di Borbone delle Due Sicilie, Duca di Castro, discendente di S.M. Francesco II, ultimo Re di Napoli. Il Gran Maestro governa l’Ordine, assistito dalla Reale Deputazione, composta dalle Grandi Cariche: Gran Prefetto, Gran Priore, Gran Cancelliere, Gran Tesoriere; dal Presidente, Vice Presidente, Segretario e dai Deputati.

https://www.youtube.com/watch?reload=9&v=BLkmo3x-6IA

“Non solo un’azione di socialità e di incontro – spiega Rizzani -, ma di attenzione verso i più bisognosi, tanto che, nell’attuale situazione di emergenza socio sanitaria dovuta a Covid19 è stata istituita una raccolta fondi promossa del Principe Carlo di Borbone delle Due Sicilie Gran Maestro che ha visto vari interventi di sostegno a realtà ospedaliere in tutta Italia per un totale di 230 mila euro ed è stata pure elargita una donazione in Lombardia a favore della struttura ospedaliera Domus Salutis di Brescia”.

Questo post ti è piaciuto? Condividilo:

Lascia un commento