Putin: è russo il primo vaccino del mondo contro il Coronavirus

Tempo stimato di lettura: 2 minuti

Vladimir Putin ha annunciato che il ministero della Sanità russo ha registrato il primo vaccino contro il Coronavirus nel mondo e che sua figlia ne ha già ricevuto una dose. Lo riferisce Russia Today, citando il presidente russo, secondo cui il vaccino, sviluppato dall’Istituto Gamaleya di Mosca, ha avuto il via libera dal ministero della Sanità. 

Putin ha rivelato che una sua figlia è già stata vaccinata contro il virus. Il presidente russo ha detto che la ragazza ha avuto una leggera febbre dopo aver ricevuto il vaccino, che è rapidamente scomparsa: “Una delle mie figlie ha ricevuto il vaccino. In questo senso, ha preso parte all’esperimento. Dopo la prima vaccinazione, aveva la temperatura a 38 gradi, il giorno successivo – 37 e basta”.

Si tratta dello stesso vaccino che, secondo Bloomberg, era stato somministrato negli scorsi mesi a decine e decine di membri dell’élite e del mondo degli affari russi: è stato finanziato dal fondo di investimento diretto russo statale e sostenuto dai militari, a metà luglio ha completato un processo di sperimentazione in fase 1 che coinvolge personale militare russo. L’istituto non ha pubblicato risultati per lo studio, che ha coinvolto circa 40 persone, ma ha iniziato la fase successiva di prove con un gruppo più ampio. Kirill Dmitriev, capo del fondo sovrano russo, che finanzia la ricerca russa sui vaccini, ha paragonato il vaccino allo Sputnik, ovvero al primo satellite artificiale che l’Unione Sovietica mandò in orbita intorno alla terra battendo sul tempo gli americani.

Ma la Russia non ha rilasciato dati scientifici sui suoi test sui vaccini e la CNN non è in grado di verificarne la sicurezza o l’efficacia dichiarate. I critici sostengono che la spinta del paese a favore di un vaccino provenga dalla pressione politica del Cremlino, che vuole rappresentare la Russia come una forza scientifica globale. Anthony Fauci nei giorni scorsi aveva detto che il vaccino di Moderna su cui hanno investito gli Stati Uniti potrebbe essere pronto per ottobre.

“Le informazioni fornite dai test di laboratorio e strumentali ci permettono di dire che il vaccino è sicuro e ha un’alta tolleranza aveva spiegato qualche tempo fa una nota del ministero  della Salute russo. Un gruppo di volontari si è sottoposto all’ultimo controllo medico il 42esimo giorno dopo la prima inoculazione. “I risultati del test hanno dimostrato in modo conclusivo una chiara risposta immunitaria sviluppata da tutti i volontari a seguito delle loro vaccinazioni: non sono stati rilevati effetti collaterali o deviazioni nei sistemi immunitari dei volontari”, ha detto il ministero. Secondo l’amministratore delegato del Fondo russo per gli investimenti diretti (RDIF), Kirill Dmitriev, il vaccino potrà essere registrato in Russia “entro i prossimi dieci giorni”. “Se questo accadrà saremo in vantaggio non solo sugli Stati Uniti ma anche su altri paesi perché questo sarà il primo vaccino contro il Coronavirus” ha detto.

Leggi anche: Il TAR respinge la sospensiva: obbligatorio il vaccino antinfluenzale per anziani e operatori sanitari nel Lazio

Questo post ti è piaciuto? Condividilo:

Lascia un commento