ACCADDE OGGI / Gerarchi nazisti condannati al Processo di Norimberga

Tempo stimato di lettura: 2 minuti

Il 1° ottobre 1946 i principali esponenti del Nazismo vengono condannati al Processo di Norimberga.

Processo di Norimberga è il nome usato per indicare due distinti gruppi di processi ai nazisti coinvolti nella seconda guerra mondiale e nella Shoah. I processi si tennero nel Palazzo di Giustizia della città tedesca di Norimberga dal 20 novembre 1945 al 1º ottobre 1946 (la città era, insieme a Berlino e Monaco, una delle città simbolo del regime nazista).

Il primo e più famoso di questi processi fu il Processo dei principali criminali di guerra davanti al Tribunale militare internazionale (IMT), che giudicò ventiquattro dei più importanti capi nazisti catturati o ancora ritenuti in vita. Considerando che Adolf HitlerBenito MussoliniJoseph Goebbels e Heinrich Himmler erano deceduti in data anteriore all’inizio del processo (tutti morti suicidi con l’esclusione di Mussolini che fu catturato e fucilato dai partigiani), Reinhard Heydrich era stato mortalmente ferito dai partigiani cecoslovacchi nel 1942 e che Adolf Eichmann e Josef Mengele erano riusciti a fuggire in America meridionale (Eichmann fu scovato e giustiziato dalla Corte israeliana solo all’inizio degli anni sessanta, mentre Mengele riuscì a scampare all’arresto fino a morte naturale avvenuta il 7 febbraio 1979).

Il processo termina con 12 condanne a morte, alcune pene detentive, dall’ergastolo a svariati anni di reclusione, tre assoluzioni. I reati riconosciuti sono terribili: complotto e crimini contro la pace, crimini di guerra, crimini contro l’umanità. Vengono riconosciuti responsabili della morte di dieci milioni di persone, assassinate a sangue freddo, fucilate, soffocate con i gas, uccise per fame, stenti e torture nei campi di sterminio. Tutti gli imputati condannati a morte vennero impiccati il 16 ottobre 1946 (tranne Hermann Göring, che riuscì a suicidarsi con del cianuro di potassio la notte prima dell’esecuzione), nel seguente ordine: von Ribbentrop, Keitel, Kaltenbrunner, Rosenberg, Frank, Frick, Streicher, Sauckel, Jodl, Seyß-Inquart.

Il secondo gruppo di dodici processi fu per criminali di guerra inferiori, tenuto sotto la Legge numero 10 del Consiglio di Controllo dal Tribunale militare di Norimberga (NMT), e comprese anche il famoso Processo ai dottori.

La decisione di sottoporre a processo i principali esponenti dell’Asse fu presa ancor prima della cessazione della guerra. Dal 18 ottobre all’11 novembre del 1943 si svolse a Mosca la terza conferenza tripartita di Mosca, con la presenza dei tre ministri degli esteri dell’alleanza: Cordell HullAnthony Eden e Vjačeslav Michajlovič Molotov.

Come ebbe a scrivere Churchill nelle sue memorie, «l’uccisione di Mussolini e il collasso del fascismo ci risparmiò una Norimberga italiana». Al termine dell’incontro venne stilato un documento nel quale i tre capi della coalizione, Winston ChurchillFranklin Delano Roosevelt e Stalin, si impegnavano al termine della guerra a far sì che i criminali nazisti venissero processati secondo le leggi del paese nel quale i crimini fossero stati commessi. Nella successiva Conferenza di Teheran, dal 28 novembre al 1º dicembre dello stesso anno, venne esteso il concetto di crimine nazionale a un più ampio livello e superato il concetto della punibilità nazionale.

Questo post ti è piaciuto? Condividilo:

Lascia un commento