Vaccino antinfluenzale obbligatorio nel Lazio: Zingaretti ci prova, il TAR lo boccia

Tempo stimato di lettura: < 1 minuto

Il vaccino antinfluenzale nel Lazio non sarà più obbligatorio per gli over 65 lo ha stabilito il Tar regionale impugnando l’ordinanza con il quale  con la quale il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, il 17 aprile scorso aveva previsto l’obbligo di vaccinazione antinfluenzale per la popolazione al di sopra dei 65 anni, pena il divieto di frequentare luoghi di possibili assembramenti come centri sociali o case di riposo.

Il Tar ha accolto il ricorso presentato dall’Associazione Codici regionale e del Lazio.”La normativa emergenziale Covid non ammette simili interventi regionali in materia di vaccinazioni obbligatorie“, si legge nella sentenza del Tar, e “le disposizioni in materia di igiene e sanità nonché di protezione civile non recano previsioni che possano autorizzare le regioni ad adottare questo tipo di ordinanze allorché il fenomeno assuma, come nella specie, un rilievo di carattere nazionale“.

Pesanti i rilievi dei giudici amministrativi quando nella sentenza annotano  “l’’ordinamento costituzionale non tollera interventi regionali di questo genere, diretti nella sostanza ad alterare taluni difficili equilibri raggiunti dagli organi del potere centrale” e aggiunge “la sua introduzione non rientra nella sfera di attribuzioni regionale ma, semmai, soltanto in quella statale – spiega il Tar – Sede quest’ultima cui va dunque ascritta ogni competenza e responsabilità, anche di matrice politica, in merito alla decisione di introdurre o meno obblighi di questo genere”.

Per noi non cambia nulla, più che l’aspetto formale ci interessa quello sostanziale“, ha commentato l’assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato, “Dobbiamo lavorare perché ci sia la più ampia copertura vaccinale” contro l’influenza. “Sapevamo che l’ordinanza aveva degli elementi di difficoltà in quanto sono atti che competono allo Stato. Pensiamo sia utile che il Governo rifletta sull’obbligatorietà. Ci interessa in questa fase somministrare 2,4 mln di dosi di vaccino già ottenuto”.

Questo post ti è piaciuto? Condividilo:

Lascia un commento