ACCADDE OGGI / Sventata la Congiura delle polveri

Tempo stimato di lettura: < 1 minuto

Il 5 novembre 1605  un complotto di Guy Fawkes per far saltare in aria il Parlamento inglese viene sventato quando sir Thomas Knyvet, un giudice di pace, trova Fawkes con una quantità di esplosivo in una cantina sotto l’edificio del parlamento.

La congiura delle polveri, o congiura dei gesuiti (in inglese The Gunpowder Plot, oppure Jesuit Treason) del 1605 fu un complotto progettato da un gruppo di cattolici inglesi a danno del re protestante Giacomo I d’Inghilterra, conclusosi con un fallimento.

Il piano dei congiurati era quello di far esplodere la Camera dei lord e di uccidere così il re e il suo governo durante la cerimonia di apertura del Parlamento inglese, lo State Opening, che si sarebbe tenuta il 5 novembre 1605, prendendo quindi la strada alla monarchia assoluta, ma questa volta cattolica e sul modello di FranciaAustria o Spagna. La cospirazione prevedeva anche il rapimento dei suoi figli, qualora questi ultimi non fossero stati presenti alla cerimonia.

Il complotto fu ideato il 20 maggio 1604 da Robert Catesby, il quale sosteneva che tutte le strade pacifiche per ottenere una politica di tolleranza per i cattolici erano già state tentate; di fronte a una persecuzione che non diminuiva restava solo il ricorso alla violenza. I suoi compagni erano inizialmente Thomas Winter, Jack Wright, Thomas Percy e Guy Fawkes. Ai cinque ideatori si aggiunsero in seguito Thomas BatesRobert KeyesRobert WintourChristopher WrightJohn GrantAmbrose RookwoodEverard Digby e Francis Tresham.

Il piano fu svelato da una misteriosa lettera, ora conservata nel Public Record Office, consegnata a Lord Monteagle il 26 ottobre e presentata al re venerdì 1º novembre 1605. Nella notte del 4 novembre, Fawkes fu trovato in possesso di trentasei barili di polvere da sparo; fu quindi arrestato e torturato. In seguito, i congiurati furono impiccati.

Questo post ti è piaciuto? Condividilo:

Lascia un commento