Di cosa si parla questa settimana

Tempo stimato di lettura: 3 minuti
Gli Stati Uniti avranno un nuovo presidente, l’Italia potrebbe non avere più un governo. Tutto in due giorni. Negli Stati Uniti mercoledì, in una Washington militarizzata – la settimana scorsa i corridoi di Capitol Hill erano occupati da soldati della Guardia Nazionale dormienti mentre si decideva sul secondo impeachment contro il presidente Trump per la rivolta del 6 gennaio e la paura di altre insurrezioni – Joe Biden giurerà come 46esimo presidente degli Stati Uniti. 
La cerimonia di insediamento, l’Inauguration Day, è tradizionalmente un giorno di festa e di folla. Quest’anno non sarà così, anzi il debutto di Biden rischia proprio di essere oscurato (e oscurare) dal voto sull’impeachment in Senato contro Trump. Un rischio calcolato forse perché ci sono grandi aspettative per questo nuovo presidente con un’agenda ambiziosa (già annunciato un pacchetto di 1.900 miliardi di dollari per contrastare i danni sanitari ed economici della pandemia) e una missione: rivelare al mondo l’America post-Trump. 
Questa Inauguration sarà però diversa non solo per la pandemia ma per il clima politico sempre teso con i report dell’Fbi che denunciano nuovi possibili assalti ai palazzi della politica e quindi della democrazia americana. Il tutto nei giorni in cui con i dati del Pil dell’ultimo trimestre 2020, la Cina, grande rivale, sancirà di essere uscita indenne da un anno devastante per l’economia mondiale nonostante il nuovo coronavirus si sia rivelato al mondo in una delle sue metropoli, Wuhan. 
Anche l’Italia oscilla tra emergenza pandemica e crisi politica: i palazzi di Roma non sono stati però invasi da una folla variopinta quanto pericolosa, ma scossi da una piccola parte della maggioranza di governo, l’Italia Viva di Matteo Renzi, che non vuole essere più tale. Oggi il premier Conte si presenta alla Camera ma è domani, martedì, il passaggio fondamentale, quando il governo chiederà la fiducia in Senato, si capirà così se un governo Conte modificato – e questa legislatura – avranno un futuro. 
Tutto questo mentre debuttano le nuove misure del dpcm. Il timore di una nuova impennata dei contagi è alla base del nuovo decreto firmato dal premier Giuseppe Conte in vigore fino al 5 marzo (con alcune disposizioni valide però fino al 15 febbraio). Da domenica 17 passano in zona rossa Lombardia (che reagisce dichiarando di voler fare ricorso), provincia autonoma di Bolzano e Sicilia, nove regioni sono zona arancione, il resto gialle. 
Oggi ripartono le superiori in presenza in quattro regioni (non gli studenti lombardi che hanno avuto ragione dal Tar ma sono diventati di nuova zona rossa) dopo il benestare anche del Comitato tecnico scientifico, ma la scuola resta una delle questioni più caotiche di questa fase pandemica. Caos che riguarda anche le vaccinazioni dopo il drammatico annuncio di Pfizer, venerdì scorso, che ha ufficializzato un ritardo nelle consegne, che per l’Italia vuol dire un meno 29 per cento di dosi da oggi. 
Anche nel resto d’ Europa, la pandemia costringe a scelte difficili: la Francia lascia aperte le scuole ma anticipa il coprifuoco alle 18, la cancelliera Angela Merkel pensa a un lockdown durissimo da imporre ai tedeschi da mercoledì 20. Il giorno dopo si tiene la prima riunione dell’anno della Bce,e il seguente, venerdì, arrivano i dati Pmi di manifatturiero e servizi delle principali economie europee che indicheranno i danni del lockdown autunnale. 
a cura de Il Sole 24 Ore

L’agenda giorno per giorno

Lunedì 18
– Eurogruppo sul Recovery Plan in videoconferenza
– Cina, Pil quarto trimestre 2020
– Il premier Conte si presenta alla Camera per la verifica della maggioranza di governo
Martedì 19
Il governo Conte chiede la fiducia in Senato, governo in bilico
Germania, indice Zew di gennaio
– Stati Uniti, trasmissione dell’articolo di Impeachment al Senato, il giorno dopo si potrebbe iniziare a votare
– Trimestrali di Netflix
Mercoledì 20
– Gli Stati Uniti hanno un nuovo presidente in carica: oggi cerimonia di insediamento del democratico Joe Biden ma anche voto sull’impeachment del presidente uscente Trump
Giovedì 21
La Bce tiene la prima riunione del board dell’anno con conseguente conferenza stampa del presidente Christine Lagarde
Venerdì 22
– Report settimanale dell’Istituto superiore della sanità che effettua il monitoraggio sulla situazione contagi da nuovo coronavirus in Italia
– Germania, Eurozona, Francia, Gran Bretagna e Stati Uniti: dati del Pmi manifatturiero e servizi a gennaio
Domenica 24
– Elezioni presidenziali in Portogallo
a cura de Il Sole 24 Ore

Questo post ti è piaciuto? Condividilo:

Lascia un commento