Social network, giovani sempre più a rischio in tempi di Covid: “C’è un’emergenza educativa”

Tempo stimato di lettura: 2 minuti

“Purtroppo riparleremo dei rischi che corrono i più piccoli sui social network quando la cronaca ci restituirà un altro caso dopo quello terribile di oggi di Palermo. Dobbiamo prendere atto che c’è un’emergenza educativa che si è acuita con l’uso eccessivo di tecnologie per l’emergenza pandemica”.

Così Francesco Pira, professore associato di sociologia dei processi culturali e comunicativi dell’Università di Messina, commenta il caso della bimba di 10 anni morta per soffocamento dopo una challenge su Tik Tok. L’intervista è stata pubblicata da Ansa.

“Social network luoghi di costruzione identitaria”

“I social network – prosegue il sociologo che ha svolto sul fenomeno Tik Tok numerose ricerche – sono ormai i luoghi prevalenti di costruzione identitaria. Una delle caratteristiche principali che emergono dalla mia ultima ricerca delle dinamiche comunicative social è l’individualismo, la concentrazione su di sè. Mi capita di parlare in conferenze ed incontri con adulti, genitori e docenti ignari rispetto all’esistenza stessa di Tik Tok sugli smartphone di figli e studenti, a fronte di un fenomeno che vede oltre 700 mila utilizzatori attivi al mese e più di 1 miliardo di utenti”.

“Tik Tok – prosegue lo studioso – è facile da installare, non serve neanche un profilo, utilizzatori sono i bambini in particolar modo, ben al di sotto dei 13 anni, limite di età previsto per l’iscrizione”. Il sociologo lancia anche l’allarme “sulle sfide sempre più assurde, pericolose, sui minori che espongono la propria immagine senza alcuna protezione. Tutti possono vedere tutti, senza restrizioni o blocchi”.

“Invertire l’attuale tendenza”

Secondo il professor Pira occorre intervenire subito: “bisogna innescare un nuovo processo culturale che deve investire la politica, il mondo dell’informazione, il sistema dell’istruzione e della conoscenza. Se ciascuno riesce a recuperare il proprio ruolo e torna a guidare il processo, costruendo nuove regole e non semplicemente adottando regole e strumenti che l’industria del web realizza per alimentare il proprio business, allora sarà possibile invertire l’attuale tendenza”.

Leggi anche: Palermo, bimba si lega cintura al collo per una sfida su TikTok: dichiarata la morte cerebrale

Questo post ti è piaciuto? Condividilo:

Lascia un commento