Prezzo, Efficacia, Conservazione: I quattro vaccini per il Covid-19 a confronto

Tempo stimato di lettura: 2 minuti

La prestigiosa rivista medica The Lancet ha pubblicato ieri i risultati preliminari della sperimentazione di fase III del vaccino russo Sputnik V contro il coronavirus, da cui risulta che l’antidoto ha un’efficacia superiore al 91%. 

Segue un confronto con altri dati chiave sul farmaco con quelli degli altri tre vaccini i cui risultati degli studi clinici di fase III sono stati pubblicati nelle principali riviste mediche peer-reviewed: Pfizer, Moderna e AstraZeneca.

Efficacia

Secondo articoli peer-reviewed di fase III, tre dei quattro antidoti menzionati hanno mostrato un’efficacia complessiva superiore al 90% : Sputnik V (91,6%), il vaccino Pfizer (95%) e il vaccino Moderna (94,1%). Invece, l’efficacia stimata del farmaco di AstraZeneca è del 62,1%. 

D’altra parte,  Sputnik V , Moderna e AstraZeneca sono efficaci al 100% contro i casi gravi, rispetto al vaccino Pfizer (75%).

Regime di temperatura

Un vantaggio chiave dello Sputnik V è la favorevole temperatura di conservazione e trasporto richiesta, tra 2ºC e 8ºC , mentre i vaccini a mRNA richiedono temperature molto più estreme, tra -70 e -20 gradi Celsius. 

In particolare, il farmaco Pfizer può essere conservato tra -80ºC e -60ºC , mentre Moderna’s può essere conservato tra -25ºC e -15ºC . Nel caso del vaccino AstraZeneca, la temperatura è la stessa di quella richiesta da Sputnik V:  tra 2ºC e 8ºC . 

Prezzo

Il vaccino russo si distingue anche per il suo prezzo accessibile, inferiore a 10 dollari per iniezione, essendo due o tre volte più economico di altri vaccini con un’efficacia superiore al 90%, secondo il Russian Direct Investment Fund (RDIF), che ha sponsorizzato il sviluppo del farmaco. Degli altri tre immunizzatori, solo quello di AstraZeneca costa meno di $ 10 per dose, mentre il prezzo dell’antidoto sviluppato da Pfizer è di $ 19,5  e quello di Moderna è di $ 37 .

Da segnalare anche l’elevata sicurezza del vaccino Sputnik V, che non è stato associato a gravi effetti collaterali, né a significative allergie o shock anafilattico. 

L’antidoto russo si basa su una piattaforma ben studiata e collaudata di vettori adenovirali umani che causano il comune raffreddore e sono in circolazione da migliaia di anni.

Inoltre, due diversi vettori in due iniezioni separate provocano una risposta immunitaria più duratura contro altri vaccini che utilizzano lo stesso meccanismo di rilascio per entrambe le iniezioni. 

Come per gli altri tre vaccini testati, studi clinici di fase III hanno dimostrato che sono sicuri, sebbene la sicurezza a lungo termine sarà determinata nel tempo.

L’articolo Prezzo, Efficacia, Conservazione: I quattro vaccini per il Covid-19 a confronto proviene da l’AntiDiplomatico.

Questo post ti è piaciuto? Condividilo:

Lascia un commento