1898 – Fondata a Torino la Federazione Italiana Giuoco Calcio

La Federazione Italiana Giuoco Calcio, meglio nota con la sigla FIGC o come Federcalcio, è l’organo di organizzazione e controllo del calcio in Italia, occupandosi sia di calcio a 11 sia del calcio a 5, ed è affiliato al CONI. Ha sede a Roma, mentre il Centro Tecnico Federale è a Firenze, nel quartiere di Coverciano. La FIGC coordina i vari campionati di calcio professionistico (dalla Serie A e Coppa Italia fino alla Serie C) e non professionistico (dalla Serie D fino ai campionati a carattere provinciale). Alla FIGC è inoltre affiliata l’Associazione Italiana Arbitri (AIA), la quale designa gli arbitri e gli assistenti arbitrali per le gare organizzate dalla Federazione.

Storia

Si costituì a Torino il 26 marzo 1898 con il nome di Federazione Italiana del Football (FIF), su iniziativa di un comitato istituito il 15 marzo, che elesse al vertice della neonata associazione l’ingegnere Mario Vicary, al termine dei lavori di una sorta di costituente presieduta da Enrico D’Ovidio.

Furono invitate a far parte della fase costituente le seguenti società:

Tuttavia, le ultime due preferirono rimanere nell’orbita della Federazione Ginnastica d’Italia, federazione che metteva in palio, durante i propri campionati ginnici, anche un titolo per il football, mentre la Mediolanum iniziò a partecipare a competizioni FIF solo due anni più tardi.

Nello stesso anno della sua fondazione la federazione organizzò il primo campionato italiano di calcio: si trattò di un torneo disputatosi a Torino in una sola giornata, che venne vinto dal Genoa.

La neonata federazione fu riconosciuta dalla FIFA nel 1905 e fa parte dell’UEFA sin dalla nascita della confederazione europea, avvenuta nel 1954.

Nella storia della federazione, a partire dal secondo dopoguerra in avanti, è successo che la stessa fosse commissariata a seguito di stravolgimenti legati a risultati deludenti conseguiti sul campo dalla nazionale oppure a scandali extracalcistici. Fino ad allora i commissariamenti erano stati meno soventi e legati, perlopiù, a crisi dirigenziali interne.

Il primo caso celebre si verificò nell’estate del 1958 e fu la conseguenza del “disastro di Belfast”, ovvero la mancata qualificazione ai Mondiali in Svezia, la cui responsabilità venne addebitata alle società professionistiche, ritenute colpevoli di aver anteposto le loro esigenze a quelle della Nazionale. Giulio Onesti, presidente del CONI, si espresse in termini durissimi, portando Ottorino Barassi, presidente della federazione, a dimettersi: il 13 agosto si giunse al commissariamento della FIGC. Venne nominata la figura di Bruno Zauli.

Nel 1986 le conseguenze del cosiddetto Totonero bis portarono all’avvicendamento tra il presidente federale Federico Sordillo e il commissario Franco Carraro. Nel 1996, invece, le vicissitudini personali del presidente Antonio Matarrese (rinviato a giudizio per abuso d’ufficio in violazione delle norme interne alla federazione) favorirono l’arrivo del commissario Raffaele Pagnozzi. Nel 2000 fu la volta di Gianni Petrucci, che divenne commissario straordinario dopo la mancata rielezione di Luciano Nizzola.

Nel maggio del 2006, a seguito delle conseguenze del cosiddetto scandalo di Calciopoli, il presidente Carraro fu sostituito da Guido Rossi prima e Luca Pancalli poi.

Nel novembre del 2017 la mancata qualificazione ai Mondiali di Russia 2018 spinse il presidente Carlo Tavecchio a rassegnare le dimissioni; l’incapacità di eleggere un nuovo presidente federale tramite elezioni rese necessaria la nomina di un commissario straordinario da parte del Comitato Olimpico: l’incarico fu affidato a Roberto Fabbricini.

Il blu Savoia, evidente richiamo all’omonima casa regnante, è da sempre presente nei loghi della Federazione.

Attività

La FIGC dirige e organizza l’attività della nazionale maschile e delle nazionali giovanili, femminili, di futsal e di beach soccer; inoltre, supervisiona, controlla e coordina le leghe che organizzano i campionati professionistici (Lega Serie ALega BLega Pro) ed i campionati a carattere dilettantistico di livello nazionale e interregionale (Lega Nazionale DilettantiDivisione Calcio a 5). In più, la FIGC promuove direttamente i tornei, le attività e le iniziative riservate ai settori giovanili e, attraverso la Divisione Calcio Femminile, i campionati di calcio femminile di Serie A e di Serie B).

A livello regionale la FIGC agisce attraverso i comitati regionali e le delegazioni provinciali e locali.

Nel 2016, con l’obiettivo di supportare l’attività delle nazionali ed armonizzare la condivisione di servizi trasversali, viene rinnovato il Club Italia, presieduto direttamente dal presidente federale in carica e diviso in quattro strutture operative: l’Area Medica (guidata da Andrea Ferretti), l’Area Performance e Ricerca (Valter Di Salvo), l’Area Scouting (Mauro Sandreani) e l’Area Match Analysis (Antonio Gagliardi).

Continuando a "navigare", presumo che tu sia d'accordo. Sei invitato a leggere la pagina di Privacy policy.
Utilizzo i cookie per aiutarti a vivere la migliore esperienza sul mio sito web.
Ok, accetto
We use cookies to help give you the best experience on our website.
By continuing without changing your cookie settings, we assume you agree to this. Please read our
Ok, I Agree
Iscriviti alla mia Newsletter
Ogni settimana riceverai gli ultimi articoli e le novità del mio blog nella tua casella email
Iscriviti ora!