Dino Valle

Cos’è Bitcoin? Dizionario di criptovaluta per principianti

di Dino Valle

Fomo, NFT, Airdrop, block … esaminiamo le basi di bitcoin, criptovalute e tecnologia blockchain.

Abbiamo parlato più volte di questa nuova opzione globale di intermediazione più libera e trasparente ma con le sue peculiarità di una moneta che non si tocca. Dato che tutto è iniziato con Bitcoin, il dizionario delle criptovalute dovrebbe iniziare con la lettera B, per Bitcoin, piuttosto che A, in un esercizio di birlibirloque linguistico. Anche per via della lettera B della blockchain, ovvero la tecnologia che permette il bitcoin, la generazione al computer di qualsiasi criptovaluta e il decentramento dei servizi attraverso accordi senza intermediari su Internet.

Ma andiamo in parte. Cos’è esattamente Bitcoin?

Bitcoin (lo vedrai anche scritto come BTC) è una nuova forma di pagamento digitale che è stata creata nel 2009. Fino ad allora, i pagamenti digitali venivano effettuati tramite carte di credito che richiedevano un intermediario (una banca o più banche, che emettevano le carte. debito e credito e le banche che gestiscono pagamenti e incassi). Bitcoin ha proposto un’operazione virtuale in cui il denaro potrebbe essere scambiato senza l’intermediazione delle banche (perché il protocollo bitcoin ha intermediari nella misura in cui richiede computer esterni per eseguire transazioni e il movimento di denaro in bitcoin ha un costo). Pensa a bitcoin come a un programma per computer che installi su un computer e che contiene sia le monete che il sistema di pagamento e raccolta; Questo programma garantisce la crittografia delle informazioni da un punto all’altro in modo anonimo e sicuro, ma anche che assolutamente tutte le persone che partecipano al sistema sanno allo stesso tempo, e c’è una registrazione, che una moneta è andata da un punto A a un punto B. Fondamentalmente bitcoin rimuove dall’equazione le banche commerciali che emettono le carte di credito e di debito. Ma, d’altra parte, anche un altro tipo di banca viene “caricata”: le banche centrali. La politica monetaria del bitcoin – quante valute vengono emesse, a quale tasso, quando e perché, in pratica – è scritta nel codice del bitcoin stesso.

Quindi bitcoin è un software che le persone possono installare sul proprio computer per partecipare a questa piattaforma di pagamento, indipendentemente dal fatto che paghino o addebitino. La politica monetaria è già scritta in quel software: quante banconote sono in circolazione (un massimo di 21 milioni di Bitcoin – da non confondere con il suo valore in altre valute – che verrebbero emesse regolarmente). La politica monetaria è contrassegnata (non solo in bitcoin, ma in tutte le criptovalute dagli utenti stessi). Pertanto, viene creato un sistema decentralizzato in cui non ci sono grandi entità che controllano tutto, ma sono gli utenti stessi che decideranno come funziona quel sistema di pagamento.

Cos’è esattamente la blockchain?

È la tecnologia che permette la crittografia delle informazioni e che tutti i partecipanti a questo sistema di scambio economico conoscano in tempo reale il movimento del denaro, garantendo sempre l’anonimato di chi effettua le operazioni. La spiegazione tecnica è più complessa, ma si riduce a questo. Quando uscì bitcoin, i programmatori di tutto il mondo si resero conto che con la stessa tecnologia che permetteva di programmare questo scambio di valute, chiamato blockchain, oltre a creare più monete, che venivano create, si potevano scambiare altri servizi, che altri servizi potevano essere decentralizzati. Fu allora che arrivò il programmatore russo Vitalik Buterin, il quale pensava che si potesse creare una blockchain dove sopra di essa fosse programmabile qualsiasi applicazione. Ed è così che è stato creato Ethereum.

Quindi siamo passati da una blockchain, bitcoin, che veniva utilizzata solo per effettuare pagamenti digitali a una blockchain come Ethereum, un programma che serve per implementare qualsiasi tipo di applicazione decentralizzata con lo stesso sistema con cui funziona bitcoin. Quindi Ethereum non è una valuta, anche se hai letto il contrario molte volte. Ovviamente, per utilizzare la blockchain di Ethereum devi pagare in un’altra criptovaluta, che è Ether. Ma l’obiettivo di Ethereum non era portare sul mercato un’altra valuta per competere con bitcoin, né andare al negozio all’angolo per pagare in Ether (in questo momento la seconda criptovaluta per capitalizzazione, tra l’altro), ma per poterlo fare per eseguire contratti intelligenti nella blockchain di Ethereum.

Questi sono i concetti principali che dovresti conoscere sulle criptovalute in modo che non suonino come un linguaggio inventato:

Cos’è un altcoin?

Il termine altcoin si riferisce a qualsiasi valuta diversa dal bitcoin (attualmente ce ne sono 8.000 indicizzate e chiunque può creare una nuova valuta). Gli altcoin hanno iniziato a comparire su Internet alcuni anni dopo che il bitcoin ha acquisito notorietà.

Cos’è un blocco?

Gli esperti di blockchain e criptovaluta spesso lo spiegano come un insieme di registrazioni contabili, firmate e protette in un libro mastro. Un blocco, ovvero: un blocco dati, è costituito da un insieme di transazioni raggruppate e rappresentate da un unico blocco di intestazione. Un blocco contiene le transazioni degli utenti insieme a una trasformazione crittografica dei dati più il numero di intestazione del blocco precedente. L’header di ogni blocco crittografa l’intestazione del precedente, assicurando che il record non possa mai essere modificato: tutti i blocchi sono concatenati.

Cos’è un caveau?

Un vault, termine anglosassone, è il software che viene installato su un computer, cellulare o tablet e in cui un saldo di monete (qualunque; il concetto non è legato esclusivamente a bitcoin) e comunica con la catena di blocchi da registrare nuove transazioni. Un wallet emette due chiavi, una pubblica e una privata, per eseguire le operazioni. I tipi di portafogli includono portafogli di carta, portafogli hardware, portafogli mobili e portafogli mnemonici (un elenco di 12 parole di sicurezza casuali che consentono di ricordare la chiave privata).

Cos’è una balena?

Sono i milionari delle criptovalute. Una balena si riferisce a un proprietario su larga scala di una moneta. Ci vuole un numero diverso di monete per guadagnare il qualificatore balena su ogni moneta. Ad esempio, per bitcoin qualcuno con 1.000 bitcoin è già una balena. Il creatore di bitcoin, Satoshi Nakamoto (un alias), possiede circa 900.000 bitcoin. Se lo moltiplichi per 48.927 euro, hai un’idea dei soldi che ha il creatore di bitcoin. Andiamo, è una balena … blu antartico.

Cos’è una criptovaluta?

Le criptovalute sono anche chiamate risorse digitali, valute (così, solo) e contanti elettronici. Funzionano come metodi di pagamento elettronici, come il contante elettronico nei pagamenti peer-to-peer.

Cos’è un rubinetto?

Uno strumento che garantisce micro-quantità di criptovalute per rendere popolare una risorsa. All’inizio, bitcoin regalava 5 bitcoin per guardare annunci o risolvere un captcha. Era un modo per dare agli utenti un’idea di cosa consistesse nella proprietà della criptovaluta. Ad oggi (sai tra tre mesi), è impensabile, a meno che una frazione della moneta non sia stata regalata. Se qualcuno ti ha dato 5 bitcoin in questo momento, vediamo chi ha resistito a non andare in una casa di cambio per tradurli in euro (240.000 euro sono tanti euro).

A cosa si riferisce il termine FOMO nelle criptovalute?

Tecnicamente si riferisce alla “paura di perdersi”; infatti è l’acronimo con cui si definisce ufficialmente l’impulso speculativo, l’impulso a investire in un asset nel caso in cui il suo prezzo aumenti. Andiamo a vedere cosa sta succedendo nel mercato delle criptovalute.

Cos’è un token?

È un asset digitale generato su una blockchain di seconda generazione, come Ethereum.

Cos’è tokenize?

Emetti un token per rappresentare il valore. In teoria è possibile la tokenizzazione di asset, come la rappresentazione di azioni, immobili o obbligazioni.

Cos’è un NFT? Gettoni non fungibili. Ad esempio, un diritto di proprietà. Se sei a conoscenza degli eventi attuali, potresti aver appreso che recentemente un artista digitale americano ha venduto un NFT del suo lavoro per 69 milioni di dollari. Ciò che vendeva era il diritto di proprietà, utilizzando la tecnologia per garantire che il suo lavoro fosse suo e che chi lo comprava ora ne fosse il legittimo proprietario. L’NFT è, per così dire, un contratto digitale che garantisce tutto ciò che due parti vogliono garantire.

Potrebbe interessarti anche