Il Covid fa calare l’aspettativa di vita in Italia

Sono i dati elaborati dall’Eurostat in base alla mortalità nel Continente nell’ultimo mese. In salita solo in Danimarca e Finlandia.

Dagli anni Sessanta ad oggi l’aspettativa di vita in Europa è aumentata in media di due anni ogni decennio. Gli ultimi dati, però, invertono la tendenza e secondo l’Eurostat l’aspettativa di vita “è in stagnazione o in calo” in alcuni Paesi Ue, soprattutto a causa della pandemia di coronavirus.

Lo scorso anno, spiega Eurostat in occasione della Giornata della Salute, il dato sulla speranza di vita alla nascita “è calato nella maggior parte dei Paesi membri Ue” con il calo più deciso in Spagna con -1,6 anni. Positivi i dati soltanto di Danimarca e Finlandia. L’Italia in calo di 1,2 anni.

Chi ha perso di più

Secondo Eurostat sono 22 i Paesi che hanno registrato una riduzione dell’aspettativa di vita. Ecco quali sono e chi è stato più colpito.

  • La Spagna è il Paese che ha registrato il dato peggiore: -1,6 anni rispetto al 2019, da 84 a 82,4 anni.
  • Seconda la Bulgaria con -1,5 anni è passata da 75,1 anni di aspettativa di vita a 73,6 in un solo anno.
  • Terze a parimerito la Lituania, la Polonia e la Romania che hanno registrato -1,4 anni. Rispettivamente sono passate da 76,5 a 75,1, da 78 a 76,6 e da da 75,6 a 74,2 anni.
  • Quarte Belgio e Italia con -1,2 anni di aspettativa. Il Belgio è passato da 82,1 anni a 80,9.
  • Quinte Repubblica ceca e Slovenia che hanno perso un anno a testa facendo scendere l’aspettativa di vita rispettivamente da 79,3 a 78,3 e da 81,6 a 80,6.
  • Seguono Lussemburgo e Slovacchia poco sotto l’anno, con -0,9: la speranza è calata da 82,7 a 81,8 e da 77,8 a 76,9.
  • Con 0,8 anni Portogallo, Croazia, Svezia e Ungheria. Per Lisbona si è passati da 81,9 a 81,1 anni. Per Zagabria da 78,6 a 77,8. A Stoccolma il calo ha fatto passare l’aspettativa di vita da 83,2 a 82,4 e infine pe Budapest da da 76,5 a 75,7.
  • La Francia, l’Olanda e l’Austria hanno fatto segnare -0,7 anni in meno: rispettivamente da 83 a 82,3 anni, da 82,2 a 81,5 e infine da 82 a 81,3 anni.
  • La Grecia ha perso  lo 0,5 con un’aspettativa di vita che è scesa da 81,7 a 81,2 anni.
  • L’Estonia -0,4 passando da 79 a 78,6 anni.
  • Malta -0,3: la speranza di vita è scesa da 82,9 anni a 82,6.

La Germania è l’ultima tra i Paesi che hanno subito un calo con -0,2, passando da 81,3 a 81,1 anni.

Chi ha avuto un miglioramento

Nella classifica dell’Eurostat soltanto due stati membri hanno avuto performance positive. Si tratta della Danimarca e della Finlandia in cui l’aspettativa di vita è aumentata di 0,1 anni. 

  • In Danimarca la speranza di vita è aumentata da 81,5 anni a 81,6.
  • In Finlandia l’aumento ha fatto passare l’aspettativa da 82,1 a 82,2 anni.

Gli altri Paesi sono rimasti invariati.

L’Italia e oltre un anno perso

L’aspettativa di vita degli italiani è diminuita di 1,2 anni nel 2020, passando da 83,6 anni del 2019 a 82,4 anni.

Il commissario all’Economia Paolo Gentiloni ha twittato i dati Eurostat commentando così: “Così nel 2020 è diminuita l’aspettativa di vita in Europa. Dedicato a chi minimizza l’impatto della pandemia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *