1361 – Galeazzo II Visconti fonda l’Università degli Studi di Pavia

L’Università degli Studi di Pavia (abbreviata in UNIPV) è un’università statale italiana fondata nel 1361. È fra le più antiche del mondo.

L’emblema dell’Università di Pavia è di antico uso. In alcune aule storiche dell’ateneo, quali l’Aula Foscolo e l’Aula Magna, risalenti rispettivamente al XVIII e XIX secolo, sono presenti elementi di mobilio d’epoca con tale emblema intagliato nel legno. È diviso in quattro parti dalle due mazze rettorali d’argento incrociate, ciascuna sormontata da una piccola aquila, tuttora portate in apertura dei cortei rettorali più solenni. Al centro dell’emblema si trova una stola pendente, a coprire l’incrocio delle mazze, appoggiata su un cartiglio con la scritta Alma Ticinensis Universitas. La stola è sormontata da una corona di foggia simile alla corona ferrea, elemento che allude al ruolo di Pavia quale capitale del regno longobardo e del regno d’Italia carolingio. Al di sotto del tutto, cinque volumi come elemento fondamentale dello studio, su cui poggia l’anello che veniva consegnato ai neodottori. Nella cornice si leggono due scritte: DCCCXXV Capit[olum] Lotharii e MCCCLXI Generale Studium Constitutum. La prima scritta si riferisce al Capitolare di Lotario dell’825, con il quale Lotario I approvò la costituzione di una scuola di retorica a Pavia; la seconda si riferisce alla fondazione dello Studium Generale del 1361 per opera di Carlo IV su richiesta di Galeazzo II Visconti.

Storia

Fondazione e periodo medioevale

825 e 1361: queste due date segnano l’inizio dell’Università di Pavia, l’Ateneo più antico della Lombardia e uno dei più antichi del mondo. Il 25 maggio dell’anno 825 l’imperatore Lotario I promulga il capitolare di Corteolona, che costituì a Pavia, capitale del Regno d’Italia, la Schola Papiense, scuola di diritto, di retorica e arti liberali, ereditando la tradizione della scuola di diritto, fondata dall’imperatore romano Teodosio I. l’imperatore nominò come direttore della scuola l’insegnante Dungallo di Bobbio, un monaco irlandese, maestro di retorica e scienza, astronomo e poeta, proveniente dall’abbazia di San Colombano di Bobbio, sita già nel ducato di Pavia e feudo monastico imperiale, dotata di una propria biblioteca e scriptorium, e di una propria scuola monastica di alto livello e perfezionamento, annoverata tra i principali centri culturali monastici dell’Europa medievale. Per tutto il periodo medioevale la scuola fu in fiorente attività.Dalla sede imperiale dipendevano gli studenti di Milano, Brescia, Lodi, Bergamo, Novara, Vercelli, Tortona, Acqui, Genova, Asti e Como.

La Scuola di Pavia fondata da Lotario, comprende una Scuola di Diritto, di Retorica e di Arti Liberali del trivio (grammatica, retorica e dialettica) e del quadrivio (aritmetica, geometria, astronomia e musica). A Pavia vi è il tribunale supremo della corte regia, quindi l’insegnamento giuridico è predominante, sia perché forma e prepara i giudici che amministreranno la giustizia in tutto il regno, ma soprattutto ha il prestigio e fama di studiare ed elaborare le nuove leggi. Esistono tuttavia diverse fonti legate all’effettiva origine del centro di studi pavesi.

Lo Studium Generale nacque grazie a Galeazzo II Visconti nel 1361; difatti, subito dopo la conquista della città da parte del Ducato di Milano, Galeazzo II, in qualità di vicario imperiale, ottenne dall’imperatore Carlo IV di Lussemburgo il decreto di fondazione dello Studium, con privilegi analoghi a quelli delle scuole di Parigi, Bologna, Oxford, Orléans e Montpellier. “Lo Studio era costituito da due Università distinte, dei giuristi (Diritto Civile e Canonico) e degli artisti (Medicina, Filosofia e Arti liberali). A capo dell’Università veniva eletto annualmente un rettore che era in genere uno studente che avesse superato i venti anni. Si conferivano gradi accademici a tre livelli: il baccellierato, la licenza e il dottorato”. Successivamente nel 1389 lo Studium venne autorizzato da papa Bonifacio IX all’esercizio dell’insegnamento teologico. Inoltre, nello stesso anno di fondazione, Galeazzo II Visconti emise un decreto con il quale stabiliva che tutti gli studenti che vivevano nei territori del Ducato di Milano avrebbero dovuto utilizzare il nuovo Studio pavese. Dopo periodi intermittenti di crisi, dovute a turbolenze politiche e militari, dal 1412 l’università riprese a funzionare regolarmente.

La nascita dell’università impattò positivamente sull’economia della città, attirando anche molti studenti nobili e facoltosi, provenienti da altri stati italiani e da diversi paesi europei, che si stabilivano a Pavia per seguire le letture di diritto, arti e medicina. Il XV secolo vide inoltre proliferare i collegi (come il collegio Castiglioni fondato nel 1429 dal cardinale Branda Castiglioni) destinati agli studenti più indigenti, patrocinati da importanti famiglie milanesi e pavesi e presi d’assalto da molti nobili e cortigiani che, per entrarvi, si facevano raccomandare dai principi. Nel campo degli studi filosofici e letterari va ricordato l’insegnamento di Lorenzo Valla, in quello di diritto, di Giasone del Maino.

Epoca moderna e contemporanea

L’attività accademica conobbe una brusca interruzione in seguito ai gravissimi danni ricevuti dalla città per l’assedio lungo un anno, subito tra il 1524 e il 1525, risoltosi con la battaglia di Pavia che contrappose l’esercito francese guidato dal re Francesco I e l’armata imperiale, costituita da spagnoli e lanzichenecchi tedeschi, di Carlo V. Un’analoga situazione stagnante continuò a persistere negli anni successivi, e ne risentirono fortemente l’attività scientifica e didattica dell’università. La situazione si aggravò ulteriormente nel XVII secolo con la dominazione spagnola, ed a causa dall’epidemia di peste del 1630 che colpì diverse zone dell’Italia settentrionale.

La rinascita dell’ateneo avvenne dalla seconda metà del 1700, grazie ai sovrani austriaci Maria Teresa d’Austria e Giuseppe II d’Asburgo-Lorena, i quali, ispirati dai principi dell’assolutismo illuminato, apportarono rilevanti riforme amministrative, e permisero la nascita della Scuola anatomica pavese. A cavallo tra il XVIII e il XIX secolo, l’ateneo divenne uno dei migliori d’Europa (e del mondo), annoverando accademici come il fisico Alessandro Volta (che ricoprì anche la carica di rettore), gli anatomisti Antonio Scarpa e Lazzaro Spallanzani, il matematico Lorenzo Mascheroni. Inoltre a Pavia, nel 1777, si laureò Maria Pellegrina Amoretti, la prima donna laureta in Giurisprudenza d’Italia.

Nei primi anni del novecento, l’Università di Pavia fu il primo ateneo italiano a ricevere il Premio Nobel, nella persona del medico e istologo Camillo Golgi (nei periodi 1893-96 e 1901-09 massima carica dell’ateneo). Nel 1935 per raggiungere gli istituti universitari fu attivato un apposito prolungamento della linea tranviaria cittadina, in attuazione dell’accordo fra la civica amministrazione e la Regia Università. Dalla fine della seconda guerra mondiale, l’Università di Pavia ha conosciuto un nuovo rilancio, dovuto in gran parte all’energia e all’iniziativa dell’allora rettore Plinio Fraccaro. Nel corso degli anni settanta, alle facoltà tradizionali si sono aggiunte quella di Economia e Commercio e di Ingegneria. Infine, negli anni ottanta l’ateneo assunse l’attuale fisionomia attraverso l’edificazione del polo sede della facoltà Ingegneria, nato da un progetto dell’architetto Giancarlo De Carlo. A seguito di ulteriori ampliamenti, è stato creato un vero e proprio campus che ospita ad oggi laboratori di ricerca, laboratori didattici e uffici di svariati corsi di laurea anche di ambito scientifico. In una parte della struttura, annessa allo stesso campus, ha sede l’Istituto di Genetica Molecolare (IGM-CNR). Il nome “Nave”, che tutti utilizzano per identificare questa sede universitaria, si deve proprio all’architettura degli edifici che, con piani asimmetrici, sostegni esterni evidenti e oblò sulle porte, ricordano la struttura tipica di una nave di importanti dimensioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *