Le cupole più belle delle chiese d’Italia

Questo post ti è piaciuto? Condividilo:

Dalla cupola della basilica di San Pietro a Roma alle cinque cupole dorate della basilica di San Marco a Venezia, le chiese italiane mostrano alcuni degli esempi più belli delle strutture a cupola.

Le prime cupole conosciute vennero costruite per ornare le tombe in India e in Medio Oriente, e si pensa che siano apparse in Europa, concretamente nel bacino del Mediterraneo, verso il periodo miceneo (tra il 1100 e il 600 a.C.).

Le cupole, definite come le volte tonde che formano il tetto di un edificio, hanno forme diverse, da quella rotonda del Pantheon a quella ottagonale del duomo di Firenze. Possono essere realizzate con un unico guscio di calcestruzzo o con elaborati sistemi a volta che le tengono in piedi da secoli, e cercano tutte di indicare la stessa cosa: un invito a collegarsi a Dio.

Ecco alcune delle cupole più belle che si trovano nelle chiese italiane:

1. Pantheon, Roma

Quando si parla di cupole, il Pantheon suscita stupore come deve aver fatto quando venne costruito. Non solo è uno degli esempi più antichi di strutture a cupola dell’architettura cristiana (risalente agli anni 126-128), ma è anche uno dei più innovativi. Quasi 2.000 anni dopo la sua costruzione, la sua è ancora la cupola senza rinforzi più grande al mondo.

L’intera struttura è costituita da un unico guscio di calcestruzzo e rocce vulcaniche. Si erge su un muro circolare senza vani o finestre se non l’oculus, o “occhio”, un’apertura circolare che permette alla luce naturale di contribuire a creare un’atmosfera spirituale toccante. Venne costruita durante il regno dell’imperatore Adriano, ed è una chiesa cristiana, la basilica di Santa Maria ad Martyres, dal VII secolo.

PANTHEON
Shutterstock

2. Basilica di San Pietro, Roma

La cupola di 40 metri di diametro che sovrasta la basilica di San Pietro è stata progettata da Michelangelo e decorata da Raffaello Sanzio e da altri artisti dell’epoca rinascimentale. Buona parte della sua architettura richiama quella del Pantheon, ma in questo caso la cupola si erge su un tamburo elevato poggiato su quattro grandi pilastri. Situata a 133 metri da terra, è la cupola più alta del mondo.

Saint Peter’s Basilica
Shutterstock

3. Santa Maria Del Fiore, Firenze

Costruita originariamente in stile gotico, la cupola della cattedrale di Santa Maria del Fiore venne poi trasformata in una struttura ottagonale innovativa dal maestro rinascimentale Filippo Brunelleschi, che progettò un complesso sistema di volte incrociate. Il risultato finale è un gigantesco emisfero, oggi considerato il primo capolavoro dell’architettura rinascimentale. Una scala con 436 gradini porta i visitatori in cima per ammirare gli splendidi affreschi di Giorgio Vasari. Da questo punto di osservazione privilegiato si può anche ammirare tutta la città di Firenze.

FLORENCE BASILICA
Catarina Belova/Shutterstock

4. San Marco, Venezia

Costruita nel 1092 e considerata uno dei migliori esempi di architettura bizantina al mondo, San Marco ha cinque cupole, una su ciascun lato della sua struttura a croce greca. Costruite con legno rivestito di piombo e decorate con mosaici dorati che rappresentano scene dell’Antico Testamento, queste cupole non possono che guidare il visitatore a guardare in alto pieno di stupore.

Shutterstock

5. Santa Maria Assunta, Siena

La cupola che sovrasta la cattedrale di Siena è stata completata tra il 1259 e il 1264 come struttura rotonda che si eleva da una base esagonale. In seguito venne sormontata con una splendida lanterna dorata, progettata dal maestro barocco Gian Lorenzo Bernini. L’intenzione era far sì che i credenti stessero in piedi sotto il centro della cupola e guardassero in alto, verso la luce. Si può pensare che la cupola abbia dei pannelli incavati, ma è solo un trompe l’oeil dipinto con stelle dorate su uno sfondo blu.

Santa Maria Assunta
Bill Perry | Shutterstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *