1884 – John Harvey Kellogg brevetta i corn flakes

Tempo stimato di lettura: 2 minuti

L’inventore

John Harvey Kellogg (Tyrone26 febbraio 1852 – Battle Creek14 dicembre 1943) è stato un medico statunitense.

Riformatore sanitario, fortemente ispirato dalla propria fede religiosa, Kellogg lavorò presso il Sanatorio di Battle Creek (Michigan), fondato da Ellen G. Whiteprofeta sia della Chiesa cristiana avventista del settimo giorno sia degli Avventisti del settimo giorno del movimento di riforma. Kellogg era convinto che la principale causa delle malattie fosse la dieta a base di carne. Fu lui a sostenere e diffondere negli Stati Uniti d’America degli anni ’20 l’idea della necessità di ritornare a una dieta “completamente naturale” dal momento che, sosteneva, “i nostri più lontani antenati si cibavano esclusivamente di alimenti di origine vegetale”.

Il motivo per cui Kellogg è universalmente ricordato è l’essere stato l’inventore dei corn flakes nel 1897, una ricetta vegetariana che nelle intenzioni dell’autore doveva fornire tutti i nutrienti necessari, i primi moderni cereali da colazione. Il fratello William, fondò la Kellogg’s e li produsse a livello industriale.

Kellogg era anche un sostenitore dell’idroterapia, la sua versione di questa terapia ebbe, tra il 1840 e il 1870, grande successo, con circa 200 centri di cura aperti in tutti gli USA e molte pubblicazioni a essa dedicate, come The Water Cure Journal e The Hydropathic Review.

I corn flakes

La storia dei corn flakes ha origine nel tardo XIX secolo, quando un gruppo di avventisti del settimo giorno iniziò a sviluppare un nuovo cibo che rispettasse le regole della loro severa dieta vegetariana. I membri di questo gruppo sperimentarono molti cereali diversi, tra cui granorisoavena e, ovviamente, mais. Nel 1894 il dottor John Harvey Kellogg, soprintendente di un sanatorio a Battle Creek (Michigan), e avventista, usò questa ricetta nella dieta vegetariana imposta ai suoi pazienti, che escludeva anche alcolicitabacco e caffeina.

La dieta che imponeva era costituita solamente da cibi insipidi: era infatti un sostenitore dell’astinenza sessuale e seguiva i precetti di Sylvester Graham che riteneva che i cibi dolci o piccanti potessero aumentare le passioni, mentre i corn flakes avrebbero avuto un effetto anti-afrodisiaco. Questa idea dei corn flakes cominciò con un incidente, quando il Dr. Kellogg e suo fratello, Will Keith Kellogg, lasciarono un po’ di semi di grano cotto a raffreddare, mentre risolvevano dei problemi al sanatorio.

Quando ritornarono, videro che il grano era diventato raffermo, ma dato che avevano un budget ristretto, decisero di continuare a lavorarlo appiattendo il grano con dei rulli, sperando di ottenere lunghe sfoglie di impasto. Con loro sorpresa, quello che ottennero invece furono flakes (fiocchi), che tostarono e servirono ai loro pazienti. Questo accadde approssimativamente il 14 aprile del 1894, e il 31 maggio il prodotto fu brevettato con il nome di Granose.

I fiocchi di grano, serviti con del latte, divennero ben presto un cibo molto popolare tra i pazienti, tanto che i fratelli Kellogg cominciarono a sperimentare la ricetta con altri cereali. Nel 1906, Will Keith Kellogg, che lavorava come direttore amministrativo del sanatorio, decise di lanciare il prodotto sul mercato, fondando una sua azienda, la Kellogg’s. Per fare ciò, litigò con il fratello al riguardo dell’aggiunta dello zucchero nei fiocchi per rendere il sapore più gradevole e adatto ad un pubblico più vasto. I corn flakes furono il suo primo prodotto commercializzato.

Per aumentare le vendite, nel 1909 aggiunse una offerta speciale, il Libretto divertente degli animali scomponibili della jungla, dato a chiunque comprasse due confezioni di cereali. Questo stesso premio fu offerto per 23 anni. Nel frattempo, Kellogg cominciò la sperimentazione con nuovi cereali per aumentare la sua linea di prodotti. I Rice Krispies, il suo grande successo, furono messi in vendita per la prima volta nel 1929. Un ex-impiegato della Kellogg’s, C. W. Post, fondò una azienda rivale che divenne il secondo marchio di corn flakes negli Stati Uniti, i Post Toasties.

Questo post ti è piaciuto? Condividilo:

Lascia un commento