La notte bianca delle chiese di tutta Italia

Tempo stimato di lettura: < 1 minuto

La Lunga notte delle chiese è la prima notte bianca dei luoghi di culto in cui si fondono musica, arte, cultura, in chiave di riflessione e spiritualità

La Lunga Notte delle Chiese è un evento organizzato dall’associazione BellunoLaNotte.com con la collaborazione delle Diocesi partecipanti. L’idea nasce nel 2016 dal progetto già attuato e di successo della “Lange Nacht der Kirchen” che si svolge in Austria e in Alto Adige già da parecchi anni, coinvolgendo centinaia di chiese contemporaneamente.

Il tema di quest’anno parte dagli effetti causati dalla pandemia, prendendo come riferimento l’Enciclica “Fratelli tutti” basata sulla fraternità e sull’amicizia sociale, e da questa sviluppa il tema della “cura del prossimo”. Il tema ha quindi come parola chiave “FRAGILI” e l’interrogativo attorno a quale si propone la riflessione: “Ed io avrò cura di te?”, declinato anche nella sua dimensione artistico-culturale.

Per un giorno nella splendida cornice delle chiese di tutta Italia, vengono organizzate diverse iniziative e programmi culturali: musica, visite guidate, mostre, teatro, letture, momenti di riflessione e tanto altro. La collaborazione è con le Diocesi italiane, i loro Vicariati alla Cultura, gli Uffici di Arte Sacra, le Pastorali Giovanili, le molte confessioni religiose. E’ un evento ecumenico.

Un’occasione per tutti, religiosi e non, di partecipare ad un evento suggestivo ed eccezionale, di grande coinvolgimento, perchè in questa occasione sarà possibile visitare i luoghi sacri delle nostre città in una veste sicuramente originale.

Moltissimi sono gli eventi proposti durante la Lunga Notte delle Chiese, che sono sempre gratuiti e a ingresso libero, aperti a tutti.

L’ultima edizione del 5 giugno 2020, che si è svolta in digitale causa Covid-19 ha visto la partecipazione di 120 Diocesi in tutta Italia con più di 150 chiese.

Informazioni e programmi su sito La Lunga Notte delle Chiese.

Questo post ti è piaciuto? Condividilo:

Lascia un commento