Pianoforte per natura alla Reggia di Venaria

Tempo stimato di lettura: 2 minuti

Nella suggestiva scenografia di Cascina Medici del Vascello, situata nel cuore dei Giardini della Reggia di Venaria e circondata dai circa 10 ettari di orti e frutteti del più grande Potager d’Italia, La Venaria Reale e Lingotto Musica presentano Pianoforte per natura, una rassegna di cinque recital che vede protagonisti altrettanti giovani pianisti, già lanciati in una brillante carriera internazionale.

La proposta musicale di Lingotto Musica si inserisce nel cartellone di eventi primaverili di LaVenariaGREEN, il programma del 2021 della Venaria Reale interamente dedicato alle tematiche di natura, paesaggio, ambiente e sostenibilità, che propone un ampio e variegato palinsesto di eventi e attività da vivere negli splendidi spazi della Reggia e dei Giardini. Ed è su questa direttrice che si colloca anche la programmazione artistica della rassegna che, oscillando tra severe geometrie bachiane, rivisitazioni jazzistiche di grandi successi della canzone italiana, ma trovando il proprio baricentro nella grande letteratura dell’Ottocento, propone al pubblico numerose pagine dedicate o ispirate al tema della natura.

Si inaugura giovedì 10 con il recital di Gloria Campaner, pianista veneta classe 1986, recentemente protagonista, insieme allo scrittore Alessandro Baricco, della miniserie «I migliori anni della nostra vita», realizzata da Lingotto Musica per il proprio canale YouTube nei mesi del lockdown. La serata si apre come le suggestioni notturne evocate dalla Sonata «Al chiaro di luna» di Ludwig van Beethoven e si conclude con il virtuosismo dei 24 Preludi di Fryderyk Chopin, la cui incisione da parte di Gloria Campaner è di imminente uscita per l’etichetta Warner Classics.

Si prosegue il giorno successivo con il russo Emanuil Ivanov, vincitore del prestigioso Concorso Ferruccio Busoni nel 2019, per un programma che si divide tra il descrittivismo naturalistico di Miroirs di Maurice Ravel e le monumentali architetture delle Händel Variationen di Johannes Brahms.

Si abbandonano i sentieri della musica di tradizione d’arte sabato 12 con il pianista-compositore Guido Tongiorgi, autore di varie rielaborazioni originali in chiave jazz che spaziano da Francesco De Gregori a Glenn Miller, mentre venerdì 18 si rientra nell’alveo della tradizione con il siciliano Giuseppe Guarrera, interprete dei Quadri d’una esposizionedi Modest Musorgskij, insieme a Papillons di Robert Schumann e due omaggi floreali di Sergej Rachmaninov (Margherite e Lillà dalle raccolte op. 38 e 21).

Gran finale sabato 19 con l’americana Claire Haungi – primo premio al Geza Anda Wettbewerb del 2017 e ospite abituale sui più importanti palcoscenici del mondo – e la trascrizione pianistica di Franz Liszt della Sinfonia «Pastorale» di Ludwig van Beethoven, uno dei più emblematici tributi della letteratura musicale alla Natura e al suo potere salvifico. A completare il programma la Toccata in re maggiore BWV 912 di Johann Sebastian Bach.

Con l’acquisto del biglietto per il concerto sarà compresa la visita ai Giardini della Reggia e, in caso di pioggia, la sede del concerto sarà trasferita presso la Cappella di Sant’Uberto, antistante l’ingresso della Torre dell’Orologio (Piazza della Repubblica 4, Venaria Reale).

INFO DI SERVIZIO E BIGLIETTERIA

DOVE:
Giardini della Reggia di Venaria, Cascina Medici del Vascello.
Accesso dalla Torre dell’Orologio, Piazza della Repubblica 4, Venaria Reale

QUANDO:
giovedì 10, venerdì 11, sabato 12, venerdì 18 e sabato 19 maggio 2021.
I concerti hanno inizio alle ore 18.30 e avranno la durata di un’ora circa senza intervallo.

COSTO:
Intero: 12 €;
Ridotto: 10 € (dedicato ai possessori di Abbonamento Musei);
Ridotto Under26: 6 €

È suggerito l’acquisto online.

Per maggiori informazioni: www.lavenaria.it e www.lingottomusica.it

Questo post ti è piaciuto? Condividilo:

Lascia un commento