Vaccini Covid: cosa c’è da sapere

Il 27 dicembre 2020 è partita ufficialmente la campagna vaccinale contro il Covid 19. I vaccini attualmente approvati sono quattro: Pfizer-BioNTech, Moderna, AstraZeneca e Johnson & Johnson. Altroconsumo, la più grande organizzazione indipendente di consumatori in Italia, prova a chiarirne tutti i dubbi.

Il 27 dicembre, si è aperta ufficialmente la campagna vaccinale in Europa per uscire dalla pandemia di Covid-19. Il ministero della Salute ha messo a punto un piano vaccinale  che fornisce le indicazioni sui tempi e i modi con cui vaccinare gli italiani. I vaccini sono erogati su base volontaria e offerti gratuitamente a tutta la popolazione, secondo un ordine di priorità, che tiene conto di diversi aspetti come l’età e la fragilità, ma anche dei tipi di vaccino e della loro disponibilità. Gli operatori sanitari (medici, infermieri, farmacisti…) sono invece obbligati a  sottoporsi alla  vaccinazione: un recente decreto legge (44/2021) ha stabilito, infatti, che la vaccinazione  costituisce  requisito  essenziale  per l’esercizio della professione e per lo svolgimento di queste attività lavorative.  L’ultimo piano messo a punto dal governo, punta a immunizzare l‘80% degli italiani entro settembre 2021.

I vaccini in sintesi

PFIZER-BIONTECH MODERNA  ASTRAZENECA JANSSEN (J&J)
CARATTERISTICHE
Tipo di vaccino Vaccino a RNA messaggero Vaccino a RNA messaggero Vaccino a vettore virale Vaccino a vettore virale
Dosi necessarie 2 dosi a distanza di almeno 21 giorni (massimo 42) 2 dosi a distanza di 28 giorni (massimo 42) 2 dosi a distanza di almeno 10 settimane. Il richiamo va fatto preferibilmente nella 12esima settimana 1 dose
Sede dell’iniezione Muscolo deltoide (braccio) Muscolo deltoide (braccio) Muscolo deltoide (braccio) Muscolo deltoide (braccio)
Per quali età è indicato Dai 12 anni in su Dai 12 anni in su Dai 18 anni (ora riservato dai 60 anni in su) Dai 18 anni (preferibilmente dai 60 anni in su)
Ci sono controindicazioni per le donne in gravidanza o allattamento? Il vaccino non è controindicato. Bisogna valutare con i sanitari caso per caso potenziali rischi e benefici Il vaccino non è controindicato. Bisogna valutare con i sanitari caso per caso potenziali rischi e benefici Il vaccino non è controindicato. Bisogna valutare con i sanitari caso per caso potenziali rischi e benefici. Il vaccino non è controindicato. Bisogna valutare con i sanitari caso per caso potenziali rischi e benefici.
Controindicazioni per le persone con un sistema immunitario compromesso o indebolito da terapie o malattie? Il vaccino non è controindicato. È consigliato consultarsi con il medico prima della somministrazione Il vaccino non è controindicato. È consigliato consultarsi con il medico prima della somministrazione Il vaccino non è controindicato. È consigliato consultarsi con il medico prima della somministrazione Il vaccino non è controindicato. È consigliato consultarsi con il medico prima della somministrazione
Ci sono controindicazioni per persone con gravi allergie a pollini, alimenti o altro? Il vaccino è controindicato solo a chi è allergico a un componente del vaccino, non a chi soffre di altre allergie. In caso di passate reazioni allergiche a vaccini, avvisare il medico Il vaccino è controindicato solo a chi è allergico a un componente del vaccino, non a chi soffre di altre allergie. In caso di passate reazioni allergiche a vaccini, avvisare il medico Il vaccino è controindicato solo a chi è allergico a un componente del vaccino, non a chi soffre di altre allergie. In caso di passate reazioni allergiche a vaccini, avvisare il medico Il vaccino è controindicato solo a chi è allergico a un componente del vaccino, non a chi soffre di altre allergie. In caso di passate reazioni allergiche a vaccini, avvisare il medico
EFFICACIA
Quante persone sono state coinvolte nella sperimentazione sull’uomo? 37.000 persone, osservate per 2 mesi 28.000 persone, osservate per 2 mesi 12.000 persone, osservate per 2 mesi 39.000 persone, osservate per 2 mesi
Qual è l’efficacia del vaccino (di quanto riduce i casi sintomatici di covid)? 95%
Si tratta di una stima: il valore reale è tra 90% e 97,9%
94,1%
Si tratta di una stima: il valore reale è tra 89,3% e 96,8%
59,5%
Si tratta di una stima: il valore reale è tra 45,8% e 69,7%.
L’efficacia sembra dipendere dalla distanza tra le due dosi: se è di almeno 12 settimane, l’efficacia è stimata tra 60% e 90%
66,9%
Si tratta di una stima: il valore reale è tra 59,0% e 73,4%.
Nei giovani e negli adulti (under 55 o under 65)? 95,6%
Si tratta di una stima: il valore reale è tra 89,4% e 98,6%
95,6%
Si tratta di una stima: il valore reale è tra 90,6% e 97,9%
Vedi il dato di efficacia generale riportato qui sopra, riferibile a persone di 18-55 anni di età 64,2%
Si tratta di una stima: il valore reale è tra 55,3% e 71,6%. Attenzione: nello studio non hanno contato i casi molto lievi
Qual è l’efficacia negli over 55? 93,7%
Si tratta di una stima: il valore reale è tra 80,6% e 98,8%
Dato puntuale non disponibile. I 55-64 anni sono inseriti tra gli adulti Dato inizialmente non disponibile. Dati sul campo ora indicano un’efficacia paragonabile a quella di giovani e adulti Dato puntuale non disponibile. I 55-64 enni sono inseriti tra gli adulti
Qual è l’efficacia negli over 65? 92,9%
Si tratta di una stima: il valore reale è tra 53,2% al 99,8%
82,4%
Si tratta di una stima: il valore reale è tra 48,9% al 93,9%
Dato inizialmente non disponibile. Dati sul campo ora indicano un’efficacia paragonabile a quella di giovani e adulti 82,4%
Si tratta di una stima: il valore reale è tra 63,9% e 92,4%. Attenzione: nello studio i casi molto lievi non vengono conteggiati
Qual è l’efficacia negli over 75? I dati  sperimentali non erano sufficienti a stimare l’efficacia in questo gruppo, ma grazie all’esperienza del Regno Unito, sappiamo che il ciclo completo conferisce una protezione molto elevata I dati  sperimentali non erano sufficienti a stimare l’efficacia in questo gruppo, ma grazie all’esperienza degli Stati Uniti, sappiamo che il ciclo completo conferisce una protezione molto elevata Dato inizialmente non disponibile. Dati sul campo indicano un’efficacia paragonabile a quella degli adulti 100%
Si tratta di una stima: il valore reale è tra 45,9% e 100%. Attenzione: nello studio i casi molto lievi non vengono conteggiati
Qual è l’efficacia per le persone a rischio di covid grave (con malattie croniche, ma stabili e non severe)? L’efficacia è elevata, comparabile a quella delle persone non a rischio di covid grave L’efficacia è elevata, comparabile a quella delle persone non a rischio di covid grave L’efficacia è comparabile a quella delle persone non a rischio di covid grave, anche se la stima è più incerta, oscillando tra 33,6% e 73,9% 64,2%
Si tratta di una stima: il valore reale è tra 52,7% e 73,1%. Attenzione: nello studio i casi molto lievi non vengono conteggiati
Quanto ha ridotto casi gravi di covid tra i vaccinati? I casi gravi osservati in sperimentazione sono stati troppo pochi per dare una risposta. In Israele, UK e Canada questo vaccino ha ridotto le ospedalizzazioni per più del 90% I casi gravi osservati sono stati molto pochi e tutti nel gruppo che aveva assunto il placebo. L’efficacia stimata è del 100%. Dati sul campo dagli USA confermano un’efficacia molto elevata I casi gravi osservati in sperimentazione sono stati troppo pochi per dare una risposta. In Regno Unito e Canada il vaccino ha ridotto ospedalizzazioni e morti del 90% circa 76,7%
Nello specifico: li ha ridotti dell’80,5% tra i 18-59 enni e del 68,5% dai 60 anni d’età in poi. Si tratta sempre di stime del dato reale, che nelle due fasce d’età è rispettivamente 58% e 92%; 18% e 90%. Il vaccino sembra ridurre i ricoveri del 75-85%
Quanto riduce la trasmissione dell’infezione? Dati dal Regno Unito indicano che questo vaccino riduce la trasmissione dell’infezione del 70-90% Dati dagli USA indicano che il vaccino riduce fortemente anche le infezioni asintomatiche e che ostacoli la trasmissione dell’infezione Dati dal Regno Unito indicano che questo vaccino riduca la trasmissione del 65-90% I dati forniti dagli studi non sono ancora sufficienti per dare una risposta
Quanto dura la protezione? La protezione a lungo termine non è nota. Secondo dati recenti  l’efficacia rimane molto elevata per almeno 6 mesi. Si osserva una riduzione lieve ma graduale nel tempo della protezione dalla malattia lieve o moderata, ma  rimane elevatissima quella per malattia grave La protezione a lungo termine non è nota.  Dati annunciati ma non ancora pubblicati confermerebbero un’efficacia elevata a sei mesi di distanza La protezione a lungo termine non è nota.  dati di efficacia a sei mesi di distanza dal completamento del ciclo non sono ancora disponibili La protezione a lungo termine non è nota. I dati di efficacia a sei mesi di distanza non sono ancora disponibili
Il vaccino è efficace contro le varianti? Il vaccino è risultato molto efficace contro la variante inglese, un po’ meno contro quella sudafricana, brasiliana. Seppur lievemente ridotta, è alta la protezione verso la variante indiana. Rimane però molto elevata la capacità di ridurre ricoveri e morti legati a varianti Il vaccino è risultato molto efficace contro la variante inglese. Dati di laboratorio mostrano come le difese suscitate dal vaccino rimangano efficaci contro le varianti sudafricana, brasiliana e indiana Il vaccino si è dimostrato molto efficace contro la variante inglese, molto meno verso la variante sudafricana. L’efficacia, seppur inferiore a quella dimostrata verso la variante inglese, rimane molto buona verso quella indiana Una minor efficacia verso la variante sudafricana era stata già riscontrata durante le sperimentazioni. Dati di laboratorio mostrano come le difese suscitate dal vaccino rimangano efficaci  verso la variante inglese e indiana
Quante persone sono state coinvolte nella valutazione della sicurezza? 38.000 persone, osservate per 2 mesi 30.000 persone, osservate per 2 mesi 24.000 persone, osservate per 2 mesi 44.000 persone, osservate per 2 mesi
EFFETTI INDESIDERATI COMUNI
Effetti di tipo locale Osservati effetti per lo più di entità lieve o moderata, più frequenti tra i giovani e adulti rispetto ai vaccinati più anziani e più frequenti alla seconda dose Osservati effetti per lo più di entità lieve o moderata, più frequenti tra i giovani e adulti rispetto ai vaccinati più anziani e più frequenti alla seconda dose Osservati effetti per lo più di entità lieve o moderata, più frequenti tra i giovani e adulti rispetto ai vaccinati più anziani e più frequenti alla prima dose (quindi più lievi e meno frequenti alla seconda) Osservati effetti per lo più di entità lieve o moderata, più frequenti tra i giovani ed adulti rispetto ai vaccianti più anziani
Dolore Molto comune (>10% vaccinati) Molto comune (>10% vaccinati) Molto comune (>10% vaccinati) Molto comune (>10% vaccinati)
Gonfiore Molto comune (>10% vaccinati) Molto comune (>10% vaccinati) Comune (>1% vaccinati) Comune (>1% vaccinati)
Arrossamento Comune (>1% vaccinati) Comune (>1% vaccinati) Comune (>1% vaccinati) Comune (>1% vaccinati)
Prurito Non comune (>1 su 1000 vaccinati) Non comune (>1 su 1000 vaccinati) Molto comune (>10% vaccinati) Dato non disponibile
Effetti più generali Per lo più di entità lieve o moderata Per lo più di entità lieve o moderata Per lo più di entità lieve o moderata Si tratta di effetti per lo più di entità lieve o moderata
Febbre Molto comune (>10% vaccinati) Molto comune (>10% vaccinati) Comune (>1% vaccinati) Comune (>1% vaccinati)
Mal di testa Molto comune (>10% vaccinati) Molto comune (>10% vaccinati) Molto comune (>10% vaccinati) Molto comune (>10% vaccinati)
Stanchezza Molto comune (>10% vaccinati) Molto comune (>10% vaccinati) Molto comune (>10% vaccinati) Molto comune (>10% vaccinati)
Dolori muscolari Molto comune (>10% vaccinati) Molto comune (>10% vaccinati) Molto comune (>10% vaccinati) Molto comune (>10% vaccinati)
Dolori articolari Molto comune (>10% vaccinati) Molto comune (>10% vaccinati) Molto comune (>10% vaccinati) Comune (>1% vaccinati)
Nausea/vomito Comune (>1% vaccinati) Molto comune (>10% vaccinati) Molto comune (>10% vaccinati) Molto comune (>10% vaccinati)
Senso di malessere comune (>1% vaccinati) Dato non disponibile Molto comune (>10% vaccinati) Non comune (>1 su 1000 vaccinati)
Rigonfiamento dei linfonodi Non comune (>1 su 1000 vaccinati) Molto comune (>10% vaccinati) Non comune (>1 su 1000 vaccinati) Dato non disponibile
EFFETTI INDESIDERATI RARI
Paralisi temporanea di un lato del viso Effetto molto raro Effetto molto raro Dato non disponibile Dato non disponibile
Gonfiore del viso Dato non disponibile In persone sottoposte a precedenti iniezioni di filler cosmetici (frequenza non nota) Dato non disponibile Dato non disponibile
Trombosi associata a trombocitopenia Dato non disponibile Dato non disponibile 1 caso su 100 mila somministrazioni, principalmente in donne con meno di 60 anni Meno di 1 caso su 100.000 somministrazioni,  principalmente in donne con meno di 60 anni
Miocardite e pericardite Effetto molto raro, osservato principalmente in giovani maschi. Frequenza da stabilire Effetto molto raro, osservato principalmente in giovani maschi. Frequenza da stabilire Dato non disponibile Dato non disponibile
Sindrome da perdita capillare Dato non disponibile Dato non disponibile Effetto molto raro, frequenza da stabilire Effetto molto raro, frequenza da stabilire
Sindrome di Guillain-Barré Dato non disponibile Dato non disponibile Dato non disponibile Effetto molto raro, frequenza da stabilire
REAZIONI ALLERGICHE GRAVI
4 casi ogni 1.000.000 somministrazioni 2,5 casi ogni 1.000.000 somministrazioni 2,8 casi ogni 1.000.000 somministrazioni 3 casi ogni 1.000.000 somministrazioni

Fonti: studi clinici dei vaccini pubblicati su riviste scientifiche, schede tecniche dei vaccini, documentazione disponibile presso EMA e FDA, studi osservazionali, report di farmacovigilanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *