22 ottobre 1946, Santa Ninfa (TP) – Ucciso il mezzadro Giuseppe Biondo

Tempo stimato di lettura: < 1 minuto

Il 22 ottobre del 1946 a Santa Ninfa (TP) muore ucciso a fucilate da un sicario mafioso Giuseppe Biondo, mezzadro.

Iscritto alla Federterra, che lottava per l’applicazione della legge Gullo del 19 ottobre 1944 sulla divisione del prodotto al 60% per il mezzadro e al 40% per il proprietario, Biondo rivendicava ( attraverso una sua forte partecipazione all’attività sindacale) la ripartizione dei prodotti agricoli per sè e per gli altri contadini della zona secondo il decreto, assolutamente non accolto da padroni e gabellotti mafiosi.

Inoltre Biondo era stato sfrattato illegalmente dal proprietario del terreno, ma era tornato a lavorarvi e il proprietario decise, allora, di far uccidere da un suo campiere il mezzadro. L’assassino non fu mai giudicato e i resti di Biondo riposano nel cimitero di Santa Ninfa.

Questo post ti è piaciuto? Condividilo:
Leggi anche:   23 dicembre 1946, Baucina (PA) - Muore Nicolò Azoti, segretario della Camera del Lavoro

Lascia un commento