28 novembre 1946, Calabricata (CZ) – Uccisa Giuditta Levato, protagonista delle lotte contadine

Tempo stimato di lettura: < 1 minuto

Quel giorno di tardo mattino Giuditta Levato, già incinta di sette mesi, si recò alle terre che lei e i suoi compaesani avevano coltivato. La Commissione provinciale per le terre incolte glielo aveva permesso. Il decreto dell’allora ministro dell’Agricoltura, Fausto Gullo, voleva abbattere una volta per tutte il latifondo e stabilire l’eguaglianza e il diritto alla terra a tutti i cittadini.

Quella mattina, era il 28 novembre 1946, anche l’agrario Pietro Mazza volle esprimere la sua opinione in materia. E decise di dare una lezione a quelli che considerava i suoi “usurpatori”. Per mano di un suo servo partì un colpo. Giuditta Levato cadde a terra. Venne trasportata sanguinante fino a casa. E poi in ospedale, dove morì.

Questo post ti è piaciuto? Condividilo:
Leggi anche:   19 agosto 1949, Palermo - Strage di Passo di Rigano

Lascia un commento