22 giugno 1947, Partinico (PA) – Uccisi Giuseppe Casarrubea e Vincenzo Lo Jacono in un attacco alla sezione PCI

Questo post ti è piaciuto? Condividilo:

A Partinico, il 22 giugno 1947, vengono colpiti a morte Giuseppe Casarrubea e Vincenzo Lo Jacono.

A distanza di pochi mesi dalla terribile strage di Portella della Ginestra a Partinico, Carini, Borgetto, San Giuseppe Jato, Monreale e Cinisi si verificarono delle azioni terroristiche armate contro i militanti e le sedi della Cgil e del Pci, che provocarono morti, feriti e terrore.

Gli autori furono esponenti della banda Giuliano, mafiosi e neofascisti, che continuarono così l’offensiva contro il movimento contadino e le forze della sinistra, che lottavano per il diritto al lavoro e per la riforma agraria.

Il raid più grave si svolse a Partinico, dove furono uccisi Giuseppe Casarrubea, ebanista di 47 anni, e Vincenzo Lo Jacono, 38 anni, e furono ferite altre 4 persone, anche in modo grave.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *