No al green pass: Uno Editori rinuncia al Salone del libro di Torino

Tempo stimato di lettura: 3 minuti

Uno Editori, casa editrice torinese che pubblica testi di “spiritualità, esoterismo e mondi incantati”, ha annunciato il suo il ritiro dalla partecipazione alla prossima edizione del Salone del Libro, in programma dal 14 al 18 ottobre a Torino.

La vita inizia dove finisce la paura! – sostiene il fondatore Prabhat Eusebio (nella foto) – Questo è il tempo del coraggio, delle scelte difficili, scomode, non comprese, osteggiate dalle masse, ma necessarie. La vita non si fonda sulla parola, spesso effimera e danneggiata da sistemi di pensiero appesantiti da secoli di condizionamenti sociali, ma sull’azione consapevole che nasce da una visione utopistica del mondo e della collettività”.

Di qui la decisione, presa in accordo con altri editori, di rinunciare alla partecipazione al Salone internazionale del libro di Torino: “Rinuncio all’acconto dato per l’acquisto dello spazio e agli incassi dei 5 giorni di fiera, e a dare lavoro a tutte le persone coinvolte in questi anni per la gestione dello stand”.

Perché? “Per rispettare uno dei valori più elevati e sacri dell’universo, la libertà, non quella decantata dai politici o dai filosofi, ma la libertà di coscienza, da cui derivano tutte le altre. Per dire no, a un sistema repressivo e coercitivo! Per essere d’esempio, per le prossime generazioni, e attenuare gli effetti della sociopatia dilagante di questa era, la falsa pandemia!”

Eusebio chiude con un augurio: “Buona vita a tutti, compresi gli zombie che vagano senza meta alcuna”. E cita una massima di Osho Rajneesh, maestro spirituale indiano: “Un ribelle ti rispetta, rispetta la vita e ha una profonda riverenza per tutto ciò che cresce, fiorisce, respira… non si pone sopra di te, più santo di te, più in alto di te, è semplicemente uno come gli altri e può rivendicare solamente una cosa: che è più coraggioso di te”.

Ma cos’è Uno Editori? “Il gruppo editoriale Uno è un organismo in continua evoluzione – aggiunge il suo fondatore – Ogni persona che entra a farne parte può arricchirlo con il proprio contributo unico e individuale. Ad accomunare chi collabora con Uno Editori sono i più profondi valori del rispetto e dell’interdipendenza, perché la visione che anima noi e ogni nostra attività è quella di un mondo abitato da individui maturi, che radicano il proprio vivere su valori autentici e profondi come, la verità, la saggezza e la semplicità”.

Si definiscono “attivisti della libera coscienza”: “Uno Editori è un progetto editoriale nato nel 2011 con l’obiettivo di stimolare la ricerca interiore e diffondere gli insegnamenti spirituali che hanno indicato percorsi di consapevolezza per l’evoluzione dell’umanità – aggiunge Prabhat Eusebio – L’intento è di contribuire con le proprie iniziative a divulgare l’arte della vita nelle forme espressive più vicine o ispirate alla saggezza di ogni luogo e tempo”.

“Convinti che il fine della ricerca interiore sia il miglioramento della collettività e del mondo, nel tempo abbiamo dato vita a diverse collane, riunite da un profondo sentire di libertà della coscienza, che contraddistingue tutte le nostre produzioni – spiega – Uno Editori si è proposta di diffondere le idee di chi ha riletto la storia con occhi nuovi; ha denunciato a chiare lettere le iniquità sociali, le ingiustizie, proponendo saggi pensati per aiutarci a vivere “senza catene” e per liberarci dal velo di illusioni e condizionamenti che avvolge l’intera umanità; ha dato voce a indagini contro le grandi lobby mondiali, si è interessata ad “argomenti scomodi” come il business delle Big Pharma, i pericoli per la nostra salute celati dietro segreti governativi, con inchieste su massoneria, terrorismo, Ordine Mondiale Segreto”.

“Uno Editori ha dato spazio alla crescita e alla formazione personale, con bestseller che regalano tecniche innovative per stimolare il potere della mente e sviluppare le proprie capacità individuali e professionali – continua – Una particolare attenzione è stata data alla formazione pedagogica con una voce forte e autorevole nell’intendere l’educazione e la crescita delle nuove generazioni senza repressioni e condizionamenti di alcun tipo. Insomma: Uno Editori è una casa editrice che con coraggio e determinazione sta spingendo se stessa e i suoi lettori… oltre l’ordinario!”

E chi è Prabhat Eusebio? “Ricercatore del vero, papà, editore e musicista, co-fondatore del Gruppo Editoriale Uno – conclude – Dopo 20 anni passati nell’ambiente musicale come produttore discografico e promoter, ho deciso, poco più che quarantenne, di dare una svolta alla mia vita creando un progetto editoriale poi confluito nel Gruppo Editoriale Uno. Mi definisco un attivista della libera coscienza e amo circondarmi di semplicità. Alla continua ricerca di uno stile di vita naturale privo di condizionamenti sociali, vivo seguendo il mio ideale di conoscenza “la base della saggezza è dire non lo so”.

Questo post ti è piaciuto? Condividilo:
Leggi anche:   Fauci, quando la politica ha il sopravvento sulla salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *