22 febbraio 1948, Gibellina (TP) – Assassinato l’avvocato Vincenzo Campo, candidato DC

Tempo stimato di lettura: < 1 minuto

Vincenzo Campo Ingrao, esponente della DC, avvocato penalista di Alcamo, vicesegretario regionale del partito, dirigente dell’Azione Cattolica e candidato al Senato su richiesta del vescovo agrigentino Giovanni Battista Peruzzo per la sua dirittura morale e per la vicinanza al movimento contadino, fu ucciso il 22 febbraio 1948.

Nella Fiat Topolino guidata dal figlio si stava recando a Sciacca per tenere un comizio. Appena fuori dall’abitato di Gibellina, una raffica di mitra lo colpì al cuore mentre recitava il rosario. Aveva apertamente contrastato notabili sospettati di legami con mafiosi. Il delitto rimase impunito.

Questo post ti è piaciuto? Condividilo:
Leggi anche:   22 maggio 1945, Centuripe (EN) - Assassinato Raffaele Miceli, direttore di miniera

Lascia un commento