Professore lascia l’università: Addio spirito democratico, me ne vado

Tempo stimato di lettura: 2 minuti

Pubblico volentieri la lettera che Andrea Camperio Ciani, professore dell’Università di Padova, ha inviato al rettore e ai ministri Speranza e Messa in merito all’obbligo del green pass per il personale scolastico. Ha il green pass ed ha anche completato il ciclo vaccinale, ma non accetta l’idea che dal primo settembre chi non ha il certificato verde non possa più insegnare all’università. Ordinario di Etologia, Psicobiologia e Psicologia evoluzionistica al Fisppa (dipartimento di Filosofia sociologia pedagogia e psicologia applicata) dell’Università degli studi di Padova, è disposto a stracciare il suo certificato verde e a farsi licenziare rinunciando anche allo stipendio.

Collega Rettore,

(non uso superlativi per ciò che segue),

io sottoscritto prof Andrea Camperio Ciani, professore ordinario di codesta libera Università degli studi di Padova, avendo appreso dal decreto rettorale dell’obbligatorietà della tessera green pass per svolgere lezioni, dichiaro formalmente, a lei, e per conoscenza al ministro della università Messa ed al ministro della sanità Speranza, che avrò l’onore e la dignità di rimettere davanti a lei in mio green pass, accettando la sua dimissione dall’insegnamento dei miei corsi di evolutionary psycology, genes mind and social behavior e animal and human behavior, e la radiazione della mia cattedra di insegnamento quale professore ordinario, e sospensione dell’intero stipendio. Io mi prendo la responsabilità di ciò che affermo, e aspetto il suo decreto di radiazione da codesta Università di Padova.

Sottolineo che in una università libera quale credevo fosse, l’appartenenza a tessere di partito, fasciste o di green pass fossero avulse, dato lo spirito libertario e democratico che credevo ci appartenesse. Sono fiero pronipote del prof. Costanzo Zenoni, che rinunciò alla cattedra di Anatomia all’Università di Milano per non aderire al partito fascista. Antenati patrioti, eroi, e pensatori, mi avevano illuso che l’università avesse appreso principi di libertà e democrazia, vedo che così non è e me ne assumo le responsabilità.

Leggi anche:   Giornalisti e media mainstream proni al governo Draghi

Mi rifaccio al patto sociale di Hobbs, che più di trecento anni fa, sanciva quanta libertà il cittadino dovesse abdicare allo stato e quanta tenersela, dichiaro che in nome della libertà, individuale, per tutti i no vax che non condivido, ma tollero, insieme a testimoni di Geova, ed ai timorosi, o male informati, ritengo che discriminarli sia opera liberticida ed oscurantista. Sono quindi fiero di rimetterle il mio mandato ed attendo il suo decreto di licenziamento.

Viva la libertà qualunque essa sia.

In fede,

Prof. Andrea Camperio Ciani

Questo post ti è piaciuto? Condividilo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *