Fauci ha mentito al Congresso: finanziata la costruzione di “coronavirus chimerici” a Wuhan

Più di 900 pagine di documenti relativi alla ricerca sul coronavirus finanziata dagli Stati Uniti in Cina sono state rilasciati a seguito di una causa FOIA (il Freedom of Information Act, diffuso in oltre 100 paesi al mondo, è la normativa che garantisce a chiunque il diritto di accesso alle informazioni detenute dalle pubbliche amministrazioni, salvo i limiti a tutela degli interessi pubblici e privati stabiliti dalla legge) di The Intercept.

I documenti appena rilasciati forniscono dettagli sulla ricerca finanziata dagli Stati Uniti su diversi tipi di coronavirus presso l’Istituto di virologia di Wuhan in Cina. The Intercept ha ottenuto più di 900 pagine di documenti che descrivono in dettaglio il lavoro di EcoHealth Alliance, un’organizzazione sanitaria con sede negli Stati Uniti che ha utilizzato denaro federale per finanziare la ricerca sul coronavirus dei pipistrelli presso il laboratorio cinese. La raccolta di documenti include due proposte di sovvenzione inedite che sono state finanziate dal National Institute of Allergy and Infectious Diseases, nonché aggiornamenti del progetto relativi alla ricerca di EcoHealth Alliance, che è stata esaminata in mezzo al crescente interesse per le origini della pandemia.

I documenti sono stati rilasciati in relazione al contenzioso in corso sul Freedom of Information Act da parte di The Intercept contro il National Institutes of Health. The Intercept sta mettendo a disposizione del pubblico i documenti completi.

“Questa è una road map per la ricerca ad alto rischio che avrebbe potuto portare all’attuale pandemia”, ha affermato Gary Ruskin, direttore esecutivo di US Right To Know, un gruppo che ha indagato sulle origini del Covid-19 .

Una delle sovvenzioni, intitolata “Capire il rischio dell’emergenza del coronavirus dei pipistrelli”, delinea uno sforzo ambizioso guidato dal presidente dell’EcoHealth Alliance Peter Daszak per lo screening di migliaia di campioni di pipistrelli alla ricerca di nuovi coronavirus. La ricerca ha coinvolto anche lo screening di persone che lavorano con animali vivi. I documenti contengono diversi dettagli critici sulla ricerca a Wuhan, incluso il fatto che il lavoro sperimentale chiave con topi umanizzati è stato condotto in un laboratorio di livello 3 di biosicurezza presso il Wuhan University Center for Animal Experiment – ​​e non presso l’Istituto di virologia di Wuhan, come era precedentemente presunto. I documenti sollevano ulteriori domande sulla teoria secondo cui la pandemia potrebbe essere iniziata in un incidente di laboratorio, un’idea che Daszak ha respinto in modo aggressivo .

La sovvenzione per il coronavirus dei pipistrelli ha fornito a EcoHealth Alliance un totale di 3,1 milioni di dollari, inclusi 599.000 dollari che l’Istituto di virologia di Wuhan ha utilizzato in parte per identificare e alterare i coronavirus dei pipistrelli che potrebbero infettare gli esseri umani. Anche prima della pandemia, molti scienziati erano preoccupati per i potenziali pericoli associati a tali esperimenti. La proposta di sovvenzione riconosce alcuni di questi pericoli: “Il lavoro sul campo comporta il più alto rischio di esposizione alla SARS o ad altri CoV, mentre si lavora in grotte con un’alta densità di pipistrelli sopra la testa e il potenziale per l’inalazione di polvere fecale”.

Alina Chan, biologa molecolare presso il Broad Institute, ha affermato che i documenti mostrano che EcoHealth Alliance ha motivo di prendere sul serio la teoria della perdita di laboratorio. “In questa proposta, in realtà sottolineano che sanno quanto sia rischioso questo lavoro. Continuano a parlare di persone che potrebbero essere morse – e hanno tenuto un registro di tutti coloro che sono stati morsi”, ha detto Chan. “EcoHealth ha quei record? E se no, come possono escludere un incidente legato alla ricerca?”

Secondo Richard Ebright, biologo molecolare della Rutgers University, i documenti contengono informazioni critiche sulla ricerca svolta a Wuhan, inclusa la creazione di nuovi virus. “I virus che hanno costruito sono stati testati per la loro capacità di infettare topi che sono stati progettati per mostrare recettori di tipo umano sulla loro cellula”, ha scritto Ebright a The Intercept dopo aver esaminato i documenti. Ebright ha anche affermato che i documenti chiariscono che due diversi tipi di nuovi coronavirus sono stati in grado di infettare i topi umanizzati. “Mentre stavano lavorando sul coronavirus correlato alla SARS, stavano portando avanti contemporaneamente un progetto parallelo sul coronavirus correlato alla MERS”, ha detto Ebright, riferendosi al virus che causa la sindrome respiratoria mediorientale.

Alla domanda sui materiali delle sovvenzioni, Robert Kessler, responsabile delle comunicazioni presso EcoHealth Alliance, ha dichiarato: “Abbiamo richiesto sovvenzioni per condurre ricerche. Le agenzie competenti hanno ritenuto che fosse una ricerca importante e quindi l’hanno finanziata. Quindi non so se ci sia molto da dire”.

La sovvenzione è stata inizialmente assegnata per un periodo di cinque anni, dal 2014 al 2019. Il finanziamento è stato rinnovato nel 2019 ma sospeso dall’amministrazione Trump nell’aprile 2020.

Il parente più prossimo della SARS-CoV-2, che causa il Covid-19, è un virus che si trova nei pipistrelli, rendendo gli animali un punto focale per gli sforzi per comprendere le origini della pandemia. Il modo esatto in cui il virus è arrivato agli esseri umani è oggetto di accesi dibattiti. Molti scienziati ritengono che si tratti di una ricaduta naturale, il che significa che il virus è passato agli esseri umani in un ambiente come un mercato umido o un’area rurale in cui esseri umani e animali sono in stretto contatto. Gli esperti di biosicurezza e gli investigatori che sospettano un’origine di laboratorio, nel frattempo, hanno trascorso più di un anno a esaminare informazioni pubblicamente disponibili e oscure pubblicazioni scientifiche in cerca di risposte. Negli ultimi mesi, anche importanti scienziati hanno chiesto un’indagine più approfondita delle origini della pandemia, così come Joe Biden, che a maggio ha ordinato alla comunità dell’intelligence di studiare la questione. Il 27 agosto, Biden ha annunciato che l’inchiesta dell’intelligence era inconcludente.

Biden ha accusato la Cina di non aver rilasciato dati critici, ma anche il governo degli Stati Uniti è stato lento nel rilasciare informazioni. The Intercept ha inizialmente richiesto i documenti nel settembre 2020.

“Vorrei che questo documento fosse stato rilasciato all’inizio del 2020”, ha detto Chan, che ha chiesto un’indagine sulla teoria dell’origine della perdita di laboratorio. “Sarebbe cambiato enormemente le cose, solo per avere tutte le informazioni in un unico posto, immediatamente trasparenti, in un documento credibile che è stato presentato da EcoHealth Alliance”.

La seconda sovvenzione, ” Capire il rischio di comparsa di virus zoonotici negli hotspot di malattie infettive emergenti del sud-est asiatico “, è stata assegnata nell’agosto 2020 e si estende fino al 2025. La proposta, scritta nel 2019, sembra spesso preveggente, concentrandosi sull’aumento e la distribuzione di risorse in Asia in caso di focolaio di una “malattia infettiva emergente” e riferendosi all’Asia come “questo più caldo degli hotspot EID”.

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *