1943 – Seconda guerra mondiale: nasce ufficialmente la Repubblica di Salò

Tempo stimato di lettura: 2 minuti

La Repubblica Sociale Italiana (RSI), anche conosciuta come Repubblica di Salò, fu il regime, esistito tra il settembre 1943 e l’aprile 1945, voluto dalla Germania nazista e guidato da Benito Mussolini, al fine di governare parte dei territori italiani controllati militarmente dai tedeschi dopo l’armistizio di Cassibile.

La sua natura giuridica è controversa: è considerata uno Stato fantoccio da gran parte della storiografia nonché dalla prevalente dottrina in materia di diritto internazionale; tuttavia alcuni storici e giuristi hanno problematizzato la portata di tale definizione, definendo la RSI un “governo insurrezionale” (quindi dotato di una propria soggettività) o comunque un ente dotato di un ordinamento con carattere originale e non derivato da quello della Germania. Lo stesso Mussolini era comunque consapevole che i tedeschi considerassero il suo regime alla stregua di uno Stato fantoccio.

L’attuale ordinamento italiano non le riconosce alcuna legittimità; infatti nel decreto legislativo luogotenenziale 5 ottobre 1944, n. 249 sull'”Assetto della legislazione nei territori liberati” essa è definita «sedicente governo della repubblica sociale italiana».

Pur rivendicando tutto il territorio del Regno d’Italia, la RSI esercitò la propria sovranità solo sulle province non soggette all’avanzata alleata e all’occupazione tedesca diretta. Inizialmente la sua attività amministrativa si estendeva fino alle province del Lazio e dell’Abruzzo, ritirandosi progressivamente sempre più a nord, in concomitanza con l’avanzata degli eserciti angloamericani. A nord, inoltre, i tedeschi istituirono due “Zone di operazioni” comprendenti dei territori che erano state parti dell’Impero austro-ungarico: le province di TrentoBolzano e Belluno (Zona d’operazioni delle Prealpi) e le provincie di UdineGoriziaTriestePolaFiume e Lubiana (Zona d’operazioni del Litorale adriatico), sottoposte rispettivamente ai Gauleiter tedeschi del Tirolo e della Carinziade facto anche se non legalmente governate dal Terzo Reich, tranne la Carniola che fu sottoposta ad un regime speciale. L’exclave di Campione d’Italia fu inclusa nella Repubblica solo per pochi mesi, prima di essere liberata grazie ad una rivolta popolare appoggiata dai carabinieri.

Leggi anche:   1939 – Nel giorno del suo 63º compleanno, il cardinale Eugenio Pacelli viene eletto Papa con il nome di Pio XII

La RSI fu riconosciuta da GermaniaGiapponeBulgariaCroaziaRomaniaSlovacchiaUngheriaRepubblica di NanchinoManciukuò e Thailandia, vale a dire da paesi alleati alle potenze dell’Asse o con truppe dell’Asse presenti al loro interno. Finlandia e Francia di Vichy, pur navigando nell’orbita nazista, non la riconobbero. Relazioni ufficiose furono mantenute con ArgentinaPortogalloSpagna e, tramite agenti commerciali, anche con la Svizzera. La Città del Vaticano non riconobbe la RSI.

La strutturazione giuridico-istituzionale della RSI sarebbe dovuta essere demandata a un’assemblea costituente, come richiesto dal congresso del PFR (14-16 novembre 1943). Si sarebbe dovuta instaurare una «repubblica sociale» in linea con i principi programmatici, a cominciare dalla «socializzazione delle imprese», tracciati nel documento noto come Manifesto di Verona e approvato durante i lavori congressuali. Mussolini preferì però rinviare la convocazione della Costituente al dopoguerra limitandosi a far approvare dal Consiglio dei ministri del 24 novembre la denominazione di RSI.

L’avanzata angloamericana nella primavera del 1945 e l’insurrezione del 25 aprile 1945 determinarono la fine della RSI, la quale cessò ufficialmente di esistere con la resa di Caserta del 29 aprile 1945 (operativa dal 2 maggio) sottoscritta dagli Alleati con il Comando Tedesco Sud-Ovest anche a nome dei corpi militari dello Stato fascista in quanto quest’ultimo non riconosciuto dagli Alleati come valido e autonomo.

Fondamenti ideologicogiuridicoeconomici della Repubblica Sociale Italiana furono il fascismo, il socialismo nazionale, il repubblicanesimo, la socializzazione, la cogestione, il corporativismo e l’antisemitismo.

Questo post ti è piaciuto? Condividilo:

Lascia un commento