Cerchiamo di fare chiarezza. Ci sono due strade per spremere i proprietari di casa, che in Italia sono più che nel resto del mondo, per il semplice fatto che essa rappresenta la pensione, una forma di previdenza complementare. Il primo modo è reintrodurre la tassazione sulla prima casa: già visto con il governo Monti. Il mercato crollò. E i contribuenti la detestano.

Secondo modo: alzare il valore imponibile dell’immobile e mantenere intatta l’aliquota fiscale. Se la tassa è dell’1 per cento e il valore su cui si applica invece di essere centomila euro, magicamente diventa duecentomila, è chiaro che si è raddoppiato l’esborso per il contribuente, pur mantenendo ferma l’aliquota fiscale. Un giochetto micidiale. Che è quanto avverrà con la revisione del catasto.

Il Parlamento, grazie anche al centrodestra, aveva impegnato il governo a riformare il fisco (la cosiddetta delega fiscale) senza toccare il Catasto. Il governo, compresa Forza Italia, ha votato una delega fiscale in cui si riforma il Catasto. Ma, e qua sta la scappatoia politica, senza risvolti fiscali.

Cosa succede? Semplice. Ci prendono per i fondelli. Da quando passerà la legge fino al 2026, non si sa bene ancora come, per ogni nostro quartierino, negozio o villetta avremo due valori: quello catastale e quello revisionato dalla riforma (prezzo di mercato). Sul primo si pagherà ancora l’Imu e sul secondo? Forse i ministri pensano che giocheremo al Lotto. Balle. È chiaro come il sole che stiamo armando un bazooka contro i proprietari di casa. Quando saranno scritti i valori dell’immobile, non dovranno fare molto. Basterà una normetta della prossima Finanziaria così scritta: «Dall’anno 2023 l’aliquota Imu resterà immutata e si pagherà sul valore di mercato presente sul registro del Catasto». E il gioco è fatto. I politici non dovranno neanche sporcarsi le mani. La revisione l’hanno fatta Draghi e il suo governo di larghe intese, le aliquote non si cambiano e non si alzano, cambia semplicemente la base imponibile. E si dirà che la cosa è fatta per equità.

Qualche argomento per coloro che, in fin dei conti, accettano questa narrazione. Una prima argomentazione riguarda la leggenda per la quale le case del centro varrebbero di meno, a parità di metri, rispetto a quelle della periferia. Falso. Dal 2000 ad oggi sono state fatte numerose modifiche dei valori catastali. Basti ricordare quelle del 2013. Nella sola città di Roma furono raddoppiate o triplicate le rendite di 175mila immobili nei quartieri chic, per un gettito aggiuntivo di 125 milioni di euro. Ci saranno certamente ancora degli errori, ma l’attico di Piazza di Spagna che paga come quello del Tiburtino non c’è più. A ciò si aggiunga che le numerose incentivazioni per lavori di ristrutturazione hanno pulito ulteriormente le distorsioni dei valori catastali.