Addio a Catherine Spaak, con classe ed eleganza conquistò l’Italia

Tempo stimato di lettura: 3 minuti

Il mondo dello spettacolo ha perso ieri una delle sue rappresentanti più note ed eclettiche. È morta a 77 anni in una clinica romana Catherine Spaak: malata da tempo, l’attrice, conduttrice, cantante, ballerina e scrittrice è stata colpita da un’emorragia cerebrale. La conferma è stata data dal ministro della Cultura Dario Franceschini: “Apprendo con dolore della scomparsa di Catherine Spaak, artista poliedrica, colta ed elegante che nel nostro Paese ha trovato una casa che l’ha accolta e amata. Mi stringo ai familiari e agli amici in questa triste giornata”.

Catherine Spaak (Boulogne-Billancourt3 aprile 1945 – Roma17 aprile 2022) è stata un’attricecantanteconduttrice televisiva e ballerina belga naturalizzata italiana.

Nata in Francia, proveniva da una famiglia belga che annoverava fra i suoi membri anche artisti e uomini politici. Sua madre era l’attrice Claudie Clèves, il padre Charles era uno sceneggiatore cinematografico, la sorella Agnès è stata anch’essa attrice e poi fotografa, mentre lo zio Paul-Henri ricoprí per più mandati la carica di primo ministro del Belgio. Sua zia era Suzanne Spaak.

Dopo aver recitato una piccola parte a soli 14 anni nel film Il buco di Jacques Becker, debuttó in Italia nel 1960 con Dolci inganni di Alberto Lattuada che condizionerà i suoi ruoli successivi, incentrati sullo stereotipo di un’adolescente spregiudicata. Lo stesso personaggio, con opportune variazioni, si ritrova in molte pellicole che interpreta nella prima metà degli anni ’60, come Diciottenni al soleIl sorpassoLa noiaLa calda vitaLa parmigianaLa bugiarda e La voglia matta, sul cui set conosce Fabrizio Capucci, che sposerà nel 1963 e dalla cui unione, di breve durata, nasce Sabrina, attrice di teatro.

Leggi anche:   Très bien madame Le Pen

Nel contempo la Dischi Ricordi le offrí un contratto e vennero pubblicati i suoi primi 45 giri, tra cui Mi fai paura (1964) (Alberto TestaIller Pattacini); alcuni (Quelli della mia etàcover di Tous les garçons et les filles di Françoise Hardy e L’esercito del surf noto anche come Noi siamo i giovani) diventano successi da Hit parade, grazie anche alla promozione nei varietà televisivi del sabato sera del quale fu spesso ospite. Nel 1964 le venne attribuita la Targa d’oro ai David di Donatello e continua a lavorare in Italia con i più celebri autori e registi, diventando una presenza ricorrente nella commedia all’italiana (L’armata BrancaleoneAdulterio all’italianaLa matriarcaCerto, certissimo, anzi… probabile). Nel 1967 venne proposta quale protagonista ne Il tigre di Dino Rosi, accanto a Vittorio Gassman ed Eleanor Parker, ma la parte venne poi assegnata ad Ann-Margret.

Visto il recente successo la Spaak nel 1967 tentò anche di farsi notare a Hollywood, partecipando a Intrighi al Grand Hotel, per la regia di Richard Quine, ma il film, nonostante un cast di rilievo, non ebbe buoni riscontri e l’esperienza rimase isolata.

Nel 1968 sotto la regia di Antonello Falqui interpretó La vedova allegramusical televisivo tratto dall’omonima operetta ma nelle parti cantate fu doppiata da Lucia Mannucci del Quartetto Cetra. Suo partner maschile era Johnny Dorelli, che sposerà nel 1972 e da cui avrà un figlio, Gabriele, prima della separazione nel 1979. Dal 1970 inizió a scrivere per alcune testate giornalistiche, collaborando con il Corriere della Sera, AmicaMarie ClaireIl MattinoTV Sorrisi e Canzoni, mentre a mano a mano diradó l’attività cinematografica. Nella stagione 1978-1979 recitó nella parte di Rossana nella commedia musicale Cyrano (di Riccardo Pazzaglia e Domenico Modugno), per la regia di Daniele D’Anza; nella stagione successiva fu sostituita da Alida Chelli.

Leggi anche:   Tav, la Francia si ritira, miliardi buttati in un Buco inutile

Dal 28 settembre 1985 al 1988 condusse le prime tre edizioni di Forum con il giudice Santi Licheri, all’interno di Buona Domenica. Autrice e conduttrice di talk-show di successo, il più famoso dei quali resta Harem (più di 15 edizioni per Rai 3), fu molto apprezzata dal pubblico per la sua eleganza e raffinatezza. Nella stagione televisiva 2002-2003 lavorò come conduttrice televisiva su LA7 nella trasmissione Il sogno dell’angelo, un talk show incentrato sulla spiritualità.

Nel 2007 partecipó come concorrente a Ballando con le stelle ma venne eliminata alla terza settimana. Nel 2015 è stata una dei concorrenti della decima edizione del reality show L’isola dei famosi, in onda su Canale 5 e con la conduzione di Alessia Marcuzzi; questo impegno si interruppe il 2 febbraio in seguito ad una decisione della stessa Spaak. Insieme a Brigitte Bardot, partecipó all’appello rivolto a José Barroso per una Giornata Vegetariana Europea.

Colpita nel marzo del 2020 da emorragia cerebrale e da tempo malata, muore il 17 aprile 2022 a Roma all’età di 77 anni.

Negli anni Sessanta è stata sposata con l’attore Fabrizio Capucci, incontrato sul set del film La voglia matta e da cui ha avuto una figlia, Sabrina. Dal 1972 al 1979 è stata sposata con Johnny Dorelli e ha avuto il figlio Gabriele. Dal 1993 al 2010 è stata sposata con l’architetto Daniel Rey e dal 2013 al 2020 con Vladimiro Tuselli.

Questo post ti è piaciuto? Condividilo:

Lascia un commento