La cancel culture sbarca in Ue: in arrivo la stretta sui contenuti che circolano in rete. Quando si parla di fake news e “lotta alla disinformazione”, i grandi media mainstream dimenticano di porsi una domanda fondamentale: chi stabilisce se quel contenuto può essere ritenuto politicamente accettabile o meno? Con quali criteri e mezzi sarebbe possibile creare un campo di notizie “politicamente corretto”, per distinguerlo da quello “politicamente scorretto”? È lo stesso interrogativo che un osservatore dell’attualità dovrebbe avanzare alle istituzioni europee.

Pochi giorni fa, infatti, l’Ue ha approvato l’ultima stretta sui contenuti “disinformativi” che circolano sui social network, obbligando le Big Tech a sorvegliare i contenuti online e prendere di mira i discorsi d’odio. In caso contrario, le autorità regolatorie potranno punire i trasgressori con multe da capogiro, fino al 6% del fatturato globale.

Le grandi Tech, quindi, saranno obbligate a rivelare alle autorità l’insieme delle strategie che vorranno mettere in campo per combattere la propaganda disinformativa. In sostanza, le libertà di azione e di espressione dei gruppi tecnologici saranno subordinate al lasciapassare di Bruxelles, la quale potrà decidere per miliardi di utenti cosa può essere legittimo esprimere o meno.

C’è però un punto fondamentale da prendere in considerazione. Chi controlla la correttezza di chi? E ancora: chi controlla non ha un orientamento politico? Su quali standard le autorità fondano la decisione di oscurare un articolo, un post o un commento sui social? È evidente come ci si stia muovendo in un contesto puramente soggettivo. Ed è sotto gli occhi di tutti come le strette anti-fake news si traducano loro stesse in una decisione politica, che seguono un certo schieramento, che eliminano contenuti utilizzando come parametro la propria morale.

Leggi anche:   L'ossessione per il "price cap" sul gas nasconde l'impotenza e l'autolesionismo dell'UE

Trump bannato

Esempio eclatante fu la censura che colpì l’ex presidente Trump, durante i quattro anni di Casa Bianca. Il 7 gennaio 2021, subito dopo l’assalto al Campidoglio, giunse alle Big Tech la richiesta dell’ex first lady, Michelle Obama, di “bannare permanentemente quest’uomo” (il Tycoon, ovviamente).

In realtà, già prima dei fattacci dell’Epifania, il ceo di Twitter, Jac Dorsey, in un’audizione al Congresso, spiegò che, una volta lasciato l’incarico, Trump non avrebbe più goduto “dell’occhio di riguardo” concesso ai capi di Stato. E mentre ci si preoccupava di censurare un presidente votato da più di 74 milioni di statunitensi; pochi mesi dopo, la stessa piattaforma lasciava mano libera a Zabihullah Mujahid, portavoce dei talebani, con un account di oltre 200mila followers.

Insomma, è evidente che non si tratta di chiusure degli account che violano le policies o i requisiti stabiliti dalle disposizioni di legge, ma di atti sulla base di valutazioni politicamente orientate. E questa censura potrà ricadere inesorabilmente anche nelle stanze di Bruxelles.

Grande Fratello

L’istituzione di cabine di regia e di celebri task force, come nel governo Conte II, contro la disinformazione, sono gli esempi che mettono in pratica la teorizzazione orwelliana di un Grande Fratello, di un meccanismo politico burocratico, in cui la mano di pochi determina la libertà di molti, in cui la dialettica lascia spazio alla propaganda ed al coro unico, in cui a singole autorità è riservata la custodia della libertà di espressione.

Pare ormai che la bussola di riferimento non sia più quella della libertà, importata direttamente dagli Stati Uniti, bensì quella dell’autoritarismo, del controllo schizofrenico, della parola limitata, che più assomiglia al sistema comunista cinese. È il Partito Comunista a decidere, in modo insindacabile, dove si collocano verità e falsità. E non è neanche un caso che i social network locali siano strettamente controllati dal governo, anche se molti cinesi trovavano, fino a poco tempo fa, il modo di aggirare la censura accedendo alla rete di Hong Kong.

Leggi anche:   Anche l’Ue ha capito che non può puntare tutto sulle auto elettriche

Ecco, quella spirale di limitazione, mascherata sotto il mantra della “tutela pubblica”, sta sbarcando anche nel mondo occidentale. La censura nei confronti dei tennisti russi a Wimbledon, oppure dei letterati e musicisti di Mosca, rappresenta solamente il sintomo di una malattia già in stato avanzato, quasi in fase terminale.