Aggiungo un paio di documenti del Senato:

  1. http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/showText?tipodoc=Sindisp&leg=18&id=1299973
  2. https://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/showText?tipodoc=Sindisp&leg=18&id=1299973

E, infine, riporto l’art. 85 del Testo delle leggi di pubblica sicurezza (TULPS) che nessuno ha mai provveduto ad abrogare e che, dunque, è in pieno vigore:

“È vietato comparire mascherato in luogo pubblico. Il contravventore è punito con Ia sanzione amministrativa da euro 10 a euro 103. È vietato l’uso della maschera nei teatri e negli altri luoghi aperti al pubblico, tranne nelle epoche e con l’osservanza delle condizioni che possono essere stabilite dall’autorità locale di pubblica sicurezza con apposito manifesto. Il contravventore e chi, invitato, non si toglie la maschera, è punito con la sanzione amministrativa da euro 10 a euro 103.”

Il che, se la legge non è il capriccio di un “potente”, significa che, prescindendo da motivazioni su cui è vietato discutere, non esistendo ora e mai essendo esistito in passato alcun “apposito manifesto”, indossare le maschere è illegale e, come tale, oggetto di sanzione. Sarebbe buffo vedere come reagirebbe un magistrato (onesto per definizione) se si trovasse di fronte a una denuncia riguardante un contravventore. Ancora di più, sarebbe buffo vedere come l’illegalità è giustificata non solo da quelli che continuiamo a chiamare politici, ma da chi (altrettanto onesto per definizione) viene pagato per controllare la legittimità del loro operato.

Leggi anche:   1937 – I fratelli Carlo e Nello Rosselli sono assassinati in Francia

La giustificazione che ho ricevuto è che “portare la mascherina è diventata una consuetudine. Dunque…” Lasciando da parte il fatto che questa “consuetudine” risale appena a un paio di anni fa, ricordo ancora una volta che parcheggiare in divieto di sosta o eludere le tasse sono “consuetudini”. E queste possono vantare la “nobiltà” di risalire a tempi immemorabili. Ad oggi nessuno mi ha fornito una spiegazione.

Infine, per chi vuole ridere, ecco https://www.facebook.com/1031822315/posts/10219905461200210/?d=n