Estinzione della vita intelligente

Tempo stimato di lettura: 3 minuti

Se un alieno sbarcasse sulla terra attirato dalle costruzioni e dalla tecnologia, dopo un po’ di tempo dovrebbe concludere che sul pianeta non esiste vita intelligente, che in realtà tutto nasce da una particolare popolazione simile alle termiti di cui solo pochi individui hanno il controllo tramite messaggi ormonali. Sembra una sciocchezza. ma ne volete una prova? Vedendo tante mascherine in giro sembrerebbe di stare al tempo della peste e a sentire ciò che si dice, ciò che fanno i governi o ciò che delibera la maggior parte dei magistrati saremmo in una estrema emergenza per cui occorre rivolgersi a pozioni magiche. altrimenti e impropriamente chiamati vaccini per sopravvivere. Ed è proprio questo che stupisce perché la situazione è sintetizzabile in pochi punti dopo due anni di pantomime, di menzogne, di manipolazioni di dati e di speculazioni che non hanno alcuna intenzione di farsi da parte:

  1. I vaccini non sono stati soggetti a test adeguati test e tanto meno a lungo termine
  2. Hanno una marea di effetti collaterali anche fatali e le conseguenze a lungo termine sono del tutto sconosciute.
  3. Dovrebbero “curare” una “malattia” con un tasso di sopravvivenza del 99,85% , vale a dire inferiore a quello di alcune malattie stagionali
  4. Non prevengono l’infezione .
  5. Non impediscono la trasmissione.
  6. I produttori sono legalmente protetti dall’essere citati in giudizio nel caso in cui i loro prodotti sperimentali uccidano o provochino danni permanenti.

Detto così fa impressione perché  il nucleo di realtà nascosto sotto oceani di  di carta straccia è così semplice e così evidente che sembra ci sembra impossibile che non venga colto. La cosa interessante è che  le persone invece di ribellarsi sono molto restie ad ammettere di essere state ingannate, di aver commesso un grave errori di giudizio, come se questo costituisse una perdita della faccia. Hanno capito il gioco, ma ci stanno, non comprendendo che così oltre alla faccia perdono anche qualche altro pezzo vitale così  invece di tornare sui propri passi e di riappropriarsi della ragione si sforzano di convincersi di non aver sbagliato. Ora questo succede sia all’uomo della strada che alle élite le quali non sono poi così intelligenti come molti se le immaginino: prendiamo la vicenda ucraina e l’idiozia totale di cui hanno fatto mostra le autorità europee che ci hanno messo in mano la bandierina dell’Ucraina, mandano armi e soprattutto infliggono sanzioni alla Russia che sono molto più pesanti per la stessa Europa che per Mosca. Dopo le acrobazie sul gas  molti Paesi hanno dovuto ammettere di non poter fare a meno di quello russo e non solo perché la sua sostituzione  richiederà molti anni, ma anche perché quello reperibile da altre fonti sarò troppo costoso per l’industria europea

Leggi anche:   Draghi resta senza rete e il governo ci lascia senza WiFi

Non contenti di questo adesso vogliono provarci anche l’embargo sul petrolio russo, riproducendo esattamente lo schema che potremmo sintetizzare così:

  1. L’Europa ha assolutamente bisogno del petrolio russo
  2. Per compiacere il padrone Usa e mostrarsi implacabile nella guerra a Mosca vuole mettere l’embargo sul petrolio russo e sul diesel russo
  3. Dunque l’Europa continuerà a comprare petrolio petrolio e distillati russi tramite paesi terzi solo con un deciso aumento dei prezzi
  4. Questo sinedrio di imbecilli pensa che la Russia subirà e basta, mentre con uno schiocco di dita potrebbe fra mancare oltre al gas anche i materiali vitali per l’industria nichel, uranio, litio tanto per citarne qualcuno, insieme a una impressionante panoplia di materie prime che distruggerebbe in pochi mesi l’industria europea
  5. Tutto questo avvicina l’armageddon nucleare.

il problema però e che una volta partito questo delirante piano congegnato da bambini o da adulti con il cervello infantile ( e guardando la von der Leyen anche bambini un po’ tonti) sarà molto difficile tornare indietro perché nessuno potrà o vorrà ammettere di aver fatto le mosse sbagliate, nessuno vorrà perdere la faccia, quindi queste misure verranno perpetuate fino all’impossibile, esattamente come sta accadendo per i vaccini. Diciamo che vista la politica pandemica e vaccinale e il suicidio bellico si potrebbe dire che proprio qui ci sono le termiti più sfigate.

Questo post ti è piaciuto? Condividilo:

Lascia un commento