Nei decenni del dopoguerra, la CIA ha largamente fatto uso di LSD in esperimenti volti a determinare le possibilità di controllo della mente umana.

L’idea delle spie di Langley era quella di ottenere la verità durante gli interrogatori, ma anche di distruggere la personalità di un soggetto e sostituirla con un’altra personalità.

Si trattava insomma dello studio del controllo totale dell’essere umano, a partire dalla sua psiche.

Un dettagliato resoconto della storia dell’uso dell’LSD presso la CIA per studiare il controllo mentale è stato di recente pubblicato dalla testata russa in lingue inglese RT. Come noto, RT, che dipende dal governo di Mosca, è attualmente inaccessibile dall’Italia e da molto dell’Occidente.

Nel 1979, l’ex ufficiale del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti John Marks aveva pubblicato un libro intitolato The Search for the “Manchurian Candidate” («In cerca del candidato della Manciuria»), basato su documenti dell’agenzia rilasciati ai sensi del Freedom of Information Act (FOIA).

L’espressione «candidato della Manciuria» derica dal titolo di un romanzo di Richard Condon, pubblicato per la prima volta nel 1959 e poi divenuto pellicola hollywoodiana con Frank Sinatra, che narrava la storia di un soldato americano a cui veniva fatto il lavaggio del cervello per essere trasformato in un assassino pronto ad eseguire ipnoticamente gli ordini dei vertici del comunismo mondiale.

La Commissione Church

Nel 1975, una commissione ristretta del Senato degli Stati Uniti, presieduto dal senatore democratico dell’Idaho Frank Church, esaminò i possibili abusi dell’intelligence commessi in passato.

Faceva parte del cosiddetto «Anno dell’Intelligence», una serie di indagini sulle operazioni che includevano «attività illegali, improprie o non etiche», come afferma la risoluzione che istituisce la Commissione Church.

In realtà, c’erano ragioni per cui il pubblico statunitense metteva in dubbio i metodi dei servizi segreti.

Dopo lo scandalo Watergate, era stato rivelato che la CIA aveva un ruolo diretto in quello che è successo. Nel descrivere le attività della CIA nel suo articolo per il New York Times, il giornalista Seymour Hersh aveva menzionato le operazioni di altre agenzie che prendono di mira i cittadini americani.

La stessa CIA ha rilasciato i documenti sulla questione solo nel 2007.

I membri della Commissione Church hanno tenuto 126 riunioni di commissione complete, 40 audizioni di sottocommissioni e hanno intervistato circa 800 testimoni. Dopo aver perquisito 110.000 documenti, la Commissione pubblicò il suo rapporto finale nell’aprile 1976.

La Commissione pubblicò anche un documento intitolato «Presunti complotti di assassinio che coinvolgono leader stranieri»,  descrivendo in dettaglio i piani dell’Intelligence per uccidere diverse figure di spicco come Patrice Lumumba e Fidel Castro.

Il rapporto principale contiene un enorme capitolo dedicato all’uso di agenti chimici e biologici da parte delle agenzie di intelligence.

«La paura che i paesi ostili agli Stati Uniti usino agenti chimici e biologici contro gli americani o gli alleati americani hanno portato allo sviluppo di un programma difensivo progettato per scoprire tecniche per le agenzie di intelligence americane per rilevare e contrastare agenti chimici e biologici» , afferma il rapporto, indicando che l’arma difensiva si trasformò presto in offensiva.

Il rapporto prosegue spiegando che i programmi erano così delicati che «poche persone, anche all’interno delle agenzie» sapevano della loro esistenza e «non ci sono prove che né il ramo esecutivo né il Congresso siano mai stati informati”». Di conseguenza, decine di persone hanno subito alcuni danni e almeno due di loro sono morte a causa degli esperimenti.

Leggi anche:   Biden manda gli 007 della Cia in missione in Cina

Un triste esempio è il caso del tennista americano Harold Blauer. Nel 1952 entrò volontariamente al New York State Psychiatric Institute perché soffriva di depressione aggravata dal divorzio. L’istituto aveva un contratto riservato con l’esercito per la ricerca di potenziali agenti di guerra chimica. Come parte di un esperimento di cui non sapeva nulla, Blauer ricevette una serie di derivati ​​di una sostanza psichedelica chiamata mescalina e morì. Nel 1987, un tribunale degli Stati Uniti ha stabilito che il governo aveva nascosto il suo ruolo nella morte dell’uomo. Un giudice ha ordinato alle autorità di pagare 700.000 dollari alla famiglia di Blauer.

«Tecniche offensive di interrogatorio»

Dalla fine degli anni ’40, la CIA conduceva diversi progetti che coinvolgono agenti chimici e biologici. Dal 1947 al 1953, un progetto chiamato CHATTER ha ricercato «droghe della verità» – qualcosa che, secondo il rapporto della Commissione Church, era una risposta ai «rapporti di “risultati sorprendenti” raggiunti dai sovietici».

Animali e esseri umani sono stati sottoposti a test che hanno coinvolto una pianta chiamata anabasis aphylla, l’alcaloide scopolamina e la mescalina.

Nel 1950 fu approvato un progetto chiamato BLUEBIRD. Il suo scopo era indagare sui metodi di controllo mentale che impediscono al personale di «estrapolare informazioni non autorizzate» e che forniscono all’utente i mezzi per controllare un individuo utilizzando speciali tecniche di interrogatorio.

Un anno dopo, il progetto è stato rinominato ARTICHOKE. Oltre ai suoi scopi difensivi, ora includeva la ricerca sulle «tecniche offensive di interrogatorio» che coinvolgevano l’ipnosi e le droghe.

Non ci sono informazioni certe su quando il progetto è terminato. Secondo il rapporto della Commissione Church, la CIA ha insistito sul fatto che ARTICHOKE fosse stato abolito nel 1956, tuttavia, ci sarebbero prove che le tecniche di «interrogatorio speciale » che erano state studiate fossero state utilizzate per molti altri anni.

C’era quindi il progetto MKNAOMI, che ha studiato gli agenti di guerra biologica, la loro conservazione e i dispositivi per la loro diffusione. Fu terminato dopo che il presidente Richard Nixon pose fine al programma offensivo di armi biologiche americane nel 1969.

Progetto MKULTRA

Il principale programma di ricerca sul controllo mentale della CIA, che si è rivelato un vero shock quando è stato scoperto, è stato MKULTRA, guidato dal dottor Sidney Gottlieb.

Leggi anche:   La guerra segreta della NATO

Lanciato nel 1953 e interrotto un decennio dopo, il programma prevedeva di testare il controllo del comportamento umano con elementi del calibro di radiazioni, elettroshock, strumenti psicologici e psichiatrici, sostanze moleste e dispositivi paramilitari.

Il progetto aveva una filiale speciale, MKDELTA, per supervisionare i test condotti all’estero.

Per la maggior parte, le persone ora conoscono MKULTRA perché riguardava l’LSD, una droga psichedelica creata nel 1938 dal chimico svizzero Albert Hofmann presso i laboratori Sandoz di Basilea, in Svizzera.

Il 19 aprile 1943, Hofmann prese accidentalmente l’LSD e scoprì quanto potesse essere forte l’effetto (questo giorno è ora noto come «Giorno della bicicletta», poiché Hofmann stava andando in bicicletta quando ha vissuto il primo «viaggio» in assoluto con LSD,). I laboratori Sandoz iniziarono a commercializzare il farmaco con il nome di «Delysid» quattro anni dopo e nel 1948 arrivò negli Stati Uniti.

La CIA conosceva gli effetti dell’LSD e vi faceva così tanto affidamento che, nel 1953, c’era un piano per l’acquisto di 10 chilogrammi di LSD, circa 100 milioni di dosi del valore di 240.000 dollari, per esperimenti.

La CIA, fingendosi una fondazione di ricerca, fece accordi con università, ospedali e altre istituzioni per ottenere i materiali e le sostanze di cui aveva bisogno.

I test sono stati eseguiti su soggetti umani, con o senza la loro conoscenza. Anche coloro che si sono offerti volontari per prendere parte alla ricerca non erano a conoscenza del vero scopo dietro di essa. La CIA ha ritenuto che l’aspetto della segretezza fosse necessario poiché, in una potenziale operazione, il soggetto preso di mira sarebbe stato sicuramente inconsapevole.

Nell’esercito sono stati condotti diversi test che coinvolgono l’LSD. La sostanza veniva utilizzata anche all’estero durante gli interrogatori di presunte spie straniere.

L’allucinogeno è stato testato anche sui prigionieri, a volte su quelli con tossicodipendenze. Diversi detenuti volontari del Lexington Rehabilitation Center – una prigione per tossicodipendenti che scontano pene per violazioni di droga – ricevevano droghe allucinogene in cambio di droghe da cui erano dipendenti.

Il boss della criminalità organizzata americana James «Whitey» Bulger ha preso parte a MKULTRA nel 1957, mentre era detenuto in prigione ad Atlanta. Nel 2017, ha descritto la sua esperienza in un articolo per OZY. Secondo Bulger, si rese conto di aver preso parte agli esperimenti della CIA solo anni dopo, quando lesse The Search for the “Manchurian Candidate” .

Whitey Bulger è stato reclutato per l’esperimento insieme a molti altri detenuti. Secondo il suo articolo, gli è stato detto che si trattava di un progetto medico volto a trovare una cura per la schizofrenia.

«Per la nostra partecipazione, avremmo ricevuto tre giorni di tempo per ogni mese dedicato al progetto», scrive Bulger. «Ogni settimana venivamo rinchiusi in una stanza sicura nel seminterrato dell’ospedale carcerario, in una zona dove erano ospitati i malati di mente». A tutti i candidati sono state somministrate dosi massicce di LSD e quindi testate per le loro reazioni.

Leggi anche:   Quel piano della Cia per rapire e assassinare Julian Assange

«Otto detenuti in preda al panico e allo stato paranoico. Perdita totale di appetito. Allucinante. La stanza cambierebbe forma. Ore di paranoia e di sentimenti violenti. Abbiamo vissuto periodi orribili di incubi viventi e persino sangue che usciva dalle pareti. Ragazzi che si trasformano in scheletri di fronte a me. Ho visto una telecamera trasformarsi nella testa di un cane. Mi sentivo come se stessi impazzendo» scrive l’ex mafioso irlandese, dichiarando che gli esperimenti gli hanno causato problemi di sonno e incubi di lunga durata.

La strana morte del dottor Olson

Nel novembre 1953, un gruppo di impiegati della CIA (tra cui Sidney Gottlieb), insieme a scienziati del centro di ricerca biologica statunitense chiamato Camp Detrick, si riunì in una capanna nel Maryland per una conferenza.

Il gruppo includeva il dottor Frank Olson, un esperto di aerobiologia. Ad un certo punto, i membri della CIA decisero di condurre un esperimento su candidati inconsapevoli, quindi il vice di Gottlieb, Robert Lashbrook, aggiunse l’LSD a una bottiglia di liquore Cointreau, che fu servita dopo cena. Olson assaggiò.

Quando Olson tornò a casa, i membri della famiglia notarono che era depresso. Due giorni dopo, Olson si lamentò con il suo capo Vincent Ruwet per le sue cattive condizioni e per ciò che aveva vissuto. Ruwet contattò Lashbrook e portarono Olson a New York, per incontrare un medico vicino alla CIA, che era esperto di LSD.

A New York, Olson si sentì così male che si rifiutò persino di tornare a casa per trascorrere il Giorno del Ringraziamento con la sua famiglia. Più tardi, Lashbrook affermò che durante l’ultima cena che avevano insieme, l’uomo sembrava «quasi il dottor Olson… prima dell’esperimento».

Secondo la testimonianza di Lashbrook, alle 2:30 del mattino fu svegliato da un forte «crollo di vetri» e vide che Olson era caduto dalla finestra della loro stanza al 10° piano. La famiglia di Olson, tuttavia, ha rifiutato di credere che fosse un suicidio e ha affermato che l’esperto di aerobiologia era stato assassinato.

La storia degli Olson è ben descritta nel docu-drama Netflix del documentarista premio Oscar Errol Morris, Wormwood, dove si avanzano ipotesi inquietanti sull’accaduto che vanno ben oltre la consumazione sperimentale di LSD e coinvolgono l’emersione di possibili programmi biologici attivati dagli USA nella guerra di Corea.

Nonostante scandali e tensioni, gli esperimenti che hanno coinvolto persone inconsapevoli sono continuati.

Il progetto fu terminato nel 1963. Un decennio dopo, Gottlieb distrusse la maggior parte dei documenti relativi a MKULTRA, quindi la sua reale portata non sarà mai nota.