Caso Assange: registrato illegalmente dalla CIA?

Tempo stimato di lettura: 2 minuti

I media spagnoli riferiscono che un’ingiunzione del tribunale emessa dal giudice dell’Alta Corte spagnola Santiago Pedraz indica che il contenuto delle comunicazioni tra Julian Assange e i suoi avvocati potrebbe essere stato registrato illegalmente durante il periodo trascorso presso l’ambasciata ecuadoriana a Londra.

Il quotidiano spagnolo El Pais nomina la società spagnola di sicurezza globale Under Cover (UC) come quella che avrebbe consegnato le informazioni agli agenti della CIA. Gli Stati Uniti vogliono l’estradizione per Assange, una richiesta che sarà decisa entro i prossimi due mesi dal ministro dell’Interno britannico Priti Patel.

Se processato e giudicato colpevole negli Stati Uniti, Assange potrebbe essere condannato a 175 anni di carcere per aver rivelato operazioni militari controverse da parte degli americani durante l’invasione dell’Iraq e dell’Afghanistan e aver pubblicato documenti scottanti sul sito web di WikiLeaks.

L’ingiunzione del tribunale spagnolo è di natura procedurale, inviata dal giudice Pedraz nel Regno Unito come spiegazione del motivo per cui le autorità del paese dovrebbero consentirgli di raccogliere testimonianze dai medici di Assange e dagli avvocati del Regno Unito, uno dei quali è il noto avvocato e attivista per i diritti umani Gareth Peirce – che sono stati oggetto di spionaggio all’interno dell’ambasciata ecuadoregna.

Fonti legali hanno detto a El Pais che la richiesta di estradizione potrebbe fallire per violazione del diritto alla difesa se ci sono prove che le agenzie di intelligence statunitensi sono riuscite a conoscere la difesa di Assange spiando illegalmente i suoi rappresentanti legali e medici. Le rivelazioni sul presunto spionaggio ai danni di Assange potrebbero lasciare il sistema giudiziario britannico in “forte imbarazzo”.

Leggi anche:   Per la Camera Julian Assange non è un rifugiato politico

Oltre due anni fa, Pedraz ha inviato una richiesta per interrogare Assange in una videoconferenza e ha utilizzato un ordine investigativo europeo (EIO) come strumento per ottenere la cooperazione dalle autorità britanniche: Assange è stato trattato come testimone in una causa intentata contro Undercover Global. Tuttavia, la parte britannica ha ritardato questa richiesta chiedendo maggiori informazioni, non rispondendo per mesi ai documenti che erano già stati forniti a tal fine.

Secondo il quotidiano spagnolo è come se la Gran Bretagna volesse ostacolare le indagini. Nel frattempo, gli avvocati spiati continueranno a difendere Assange anche in caso di estradizione.

Fonte:
Questo post ti è piaciuto? Condividilo:

Lascia un commento