Santa Paolina del Cuore Agonizzante di Gesù

Tempo stimato di lettura: 2 minuti

Amabile Wisentainer nacque il 16 dicembre 1865 a Vigolo Vattaro, nell’attuale Trentino, che a quel tempo faceva parte del Sud Tirolo ed era governato dall’Austria. Nel 1875 la famiglia emigrò in Brasile insieme a molta altra gente del Sud Tirolo, nello stato di Santa Caterina, in una zona assegnata dal governo locale. La famiglia di Amabile era povera, ed ella lavorava a casa e nei campi per aiutare i suoi genitori a mantenere la loro numerosa famiglia. Trovò il tempo di insegnare il catechismo alle ragazze giovani e di far visita ai malati, con un’amica della vicina città di Nova Trento. Fu incoraggiata dai missionari gesuiti della zona a prendere in considerazione la vita religiosa, così nel 1890 lasciò la sua casa, assieme all’amica, per andare a vivere in una casupola vicino alla cappella di San Giorgio di Vigolo, dove entrambe accudivano una donna ammalata di tumore. Cominciò così la loro nuova vita dedicata alla cura degli ammalati e alla fondazione delle Piccole Suore dell’Immacolata Concezione.

Nel 1895 Amabile si trasferì a Nova Trento e ricevette l’approvazione del vescovo per l’istituzione della nascente congregazione, pronunciando i voti religiosi e prendendo il nome di Paolina del Cuore Agonizzante di Gesù. Quando, nel 1903, il gesuita incaricato della loro guida spirituale fu trasferito a San Paolo, Paolína lo seguì, e la congregazione aumentò in modo sorprendente, al punto che furono fondate diverse case. Rimase superiora fino al 1909 quando, a causa di un fraintendimento dell’arcivescovo locale, le fu chiesto di dimettersi; da allora fino alla morte, avvenuta il 9 luglio 1942, visse umilmente come una semplice suora, assistendo i vecchi poveri.

Leggi anche:   Pfizer, un’intera città in Brasile a far da cavia per testare il suo vaccino

Nel 1933, la sua congregazione ricevette l’approvazione pontificia, e al tempo della sua morte esistevano quarantacinque fondazioni in tutto il Brasile; verso il 1980 il numero era salito a centocinque, con più di seicento membri.

Il suo fu un esempio perfetto di vita dedita al servizio del Vangelo. La sua vita spirituale si basava sui principi di S. Ignazio di Loyola. È stata beatificata nel 1991 e proclamata santa il 19 maggio 2002.

Questo post ti è piaciuto? Condividilo:

Lascia un commento