Come ci si iscrive al registro delle opposizioni per i numeri mobili? È già possibile farlo? Queste sono alcune delle domande che ci si pone ultimamente in merito alla tanto agognata novità del registro delle opposizioni per la telefonia mobile. Se le aspettative di legge saranno rispettate, dal 27 luglio sarà possibile iscriversi. Vediamo come funzionerà.

Come ha funzionato fino adesso

Attualmente il registro accoglie solo i numeri pubblici in elenco, che sono quasi tutti fissi. Questo perché quei numeri sono contattabili per motivi pubblicitari anche senza il consenso dell’utente. I numeri non in elenco, tra cui – normalmente – cellulari di privati, dovrebbero essere chiamabili soltanto previo consenso. Quando veniamo tartassati dalle agenzie di telemarketing, è perché ci chiamano senza consenso, sfruttando database di numeri costruiti e scambiati in diversi modi, oppure tramite un consenso ottenuto in passato e che l’utente non riesce più a togliere con modalità inoppugnabili. In teoria, secondo la legge, per togliere il consenso basterebbe dire a chi ci chiama “nego il consenso”. Tanto dovrebbe bastare per far sì che il nostro numero venga cancellato. Ma, allo stato pratico, quasi mai funziona così e per l’utente non esiste un modo semplice di dimostrare di aver eliminato un consenso dato per iscritto in passato.

Come funzionerà il nuovo registro delle opposizioni

Tutto questo dovrebbe cambiare con il nuovo registro, dove finiranno in automatico tutti i numeri nazionali, fissi e cellulari, anche se non presenti negli elenchi telefonici nazionali. Il telemarketing, infatti, non è soltanto una pratica insistente, fastidiosa e spesso associata a truffe o campagne malevole, ma un vero e proprio abuso dei nostri dati personali. Secondo l’articolo 7 del decreto che istituisce il registro, pubblicato in Gazzetta ufficiale lo scorso 29 marzo, “ciascun contraente può richiedere al gestore del registro che la numerazione della quale è intestatario, riportata o meno negli elenchi, o il corrispondente indirizzo postale siano iscritti nel registro per opporsi al trattamento di tali dati, per fini di invio di materiale pubblicitario, o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale”.

Leggi anche:   Telemarketing, si cambia registro contro le chiamate selvagge

I termini tecnici di utilizzo

L’utente potrà comunque iscrivere qualsiasi numero di telefono (fisso e mobile) nel nuovo Registro delle opposizioni, gratis via web o al telefono. Più avanti vi spiegheremo come. L’effetto di questa iscrizione sarà quello di rendere vietata, senza se e senza ma, qualsiasi telefonata pubblicitaria a quel numero: cancellerà tutti i consensi dati fino a quel momento. Sarà inoltre possibile iscrivere il numero più volte, cancellando eventuali consensi dati in seguito, magari a causa di un errore o di una distrazione nel firmare un modulo. Le telefonate diventano illegali entro massimo 15 giorni dall’iscrizione. Le aziende di telemarketing sono infatti costrette ogni 15 giorni a consultare il registro per escludere dalle campagne tutti i numeri lì presenti. Le telefonate pubblicitarie quindi potranno essere fatte solo ai numeri non presenti in registro.

Come iscriversi al registro delle opposizioni

Per smettere di ricevere chiamate moleste e togliere i propri numeri di telefono dagli elenchi delle società di telemarketing basterà iscriversi al registro. Sempre l’articolo 7 specifica le modalità di iscrizione gratuita. Si potrà scegliere se compilare un modulo web sul sito del gestore del registro (disponibile a questo link), chiamare il numero verde 800 265 265, inviare una email all’indirizzo iscrizione@registrodelleopposizioni.it, oppure optare per una raccomandata.