Laboratori biologici USA in Ucraina: aggiornamento del ministero della Difesa russo

Tempo stimato di lettura: 3 minuti

Il comandante delle Forze russe di Protezione dalle radiologica, chimica e biologica, il tenente generale Igor Kirillov, ha dato un briefing di aggiornamento sull’indagine russa sui laboratori biologici statunitensi in Ucraina, accompagnato dalla pubblicazione di nuovi documenti.

Tra i documenti c’è un rapporto della Defense Threat Reduction Agency (DTRA) sulle attività biologiche per il periodo dal 2005 al 2016.

«Questo rapporto è un documento concettuale progettato per un’ulteriore pianificazione dell’attività biologico-militare del Pentagono in Ucraina che contiene conclusioni sull’attuazione delle linee guida del programma», ha affermato Kirillov.

«Nonostante il periodo di più di 10 anni di cooperazione nella presunta “riduzione delle minacce biologiche”, gli esperti hanno affermato: “Non esiste una legislazione sul controllo di agenti patogeni altamente pericolosi nel Paese, ci sono carenze significative nella biosicurezza

«L’attuale stato delle risorse rende impossibile per i laboratori rispondere efficacemente alle emergenze di salute pubblica. Il documento sottolinea che (…) negli ultimi cinque anni, l’Ucraina non ha mostrato alcun progresso nell’attuazione delle normative sanitarie internazionali dell’Organizzazione Mondiale della Sanità».

In altre parole, sembra che ci fossero poche misure di biosicurezza efficaci in atto – un po’ quello che si disse del laboratorio di Wuhano.

Il rapporto, continua il tenente generale russo, affermava che «che la maggior parte delle strutture è caratterizzata da numerose violazioni gravi, come sistemi di recinzione sbloccati, finestre che si aprono, sistemi di restrizione degli agenti patogeni rotti o inattivi, mancanza di sistemi di allarme».

«I risultati della revisione concludono che non esiste un sistema per proteggere gli agenti patogeni pericolosi in Ucraina».

Leggi anche:   Professor Orsini, ma davvero prende quei soldi per andare in tv?

«Il documento è allegato con commenti ambigui sugli sponsor e sugli attuatori del programma di riduzione delle minacce biologiche in Ucraina che non hanno nulla a che fare con problemi di biosicurezza», ha affermato Kirillov.

Poi, colpo di scena: «in particolare, la Fondazione Soros è citata con la notazione “contribuito allo sviluppo di una società aperta e democratica” …. Conferma ancora una volta che le attività ufficiali del Pentagono in Ucraina sono solo un fronte per militari illegali e ricerca biologica».

Un altro documento riguardava l’attività di Metabiota, azienda legata a Hunter Biden, figlio del presidente USA in carica.

«I dati disponibili suggeriscono che la società è semplicemente una copertura a livello internazionale per scopi dubbi e viene utilizzata dall’élite politica statunitense per svolgere attività finanziarie poco chiare in varie parti del mondo», ha il militare della Federazione Russa, che ha poi mezionato dettagli sul coinvolgimento di Metabiota nell’epidemia di Ebola in Africa occidentale nel 2015, dove non è riuscita a contenere la diffusione della malattia.

Un’altra caratteristica del rapporto di Kirillov è il coinvolgimento del Servizio medico congiunto delle forze armate tedesche, di cui Renovatio 21 aveva già dato conto riguardo al coinvolgimento nei laboratori in Ucraina.

«I professionisti della Bundeswehr hanno prestato particolare attenzione all’agente patogeno della febbre del Congo-Crimea», ha affermato il tenente generale. «È stato effettuato uno screening su larga scala della suscettibilità della popolazione locale a questa infezione che ha incluso una sintesi dei dati demografici, epidemiologici e clinici».

Tra i programmi che Kirillov ha identificato c’era uno che coinvolgeva lo studio delle zecche Ixodida che sono vettori di una serie di infezioni altamente pericolose (tularemia, febbre del Nilo occidentale, febbre del Congo-Crimea) gestito dall’Università del Texas.

Leggi anche:   Sbarco a Taiwan

«Le zecche venivano raccolte nelle regioni sudorientali dell’Ucraina, dove si trovano focolai naturali di infezioni caratteristici del territorio della Federazione Russa», ha affermato.

«Allo stesso tempo, il periodo di attuazione di questo lavoro ha coinciso con un rapido aumento dell’incidenza della borreliosi da zecche tra la popolazione ucraina, nonché con l’aumento del numero di zecche in varie regioni della Russia al confine con l’Ucraina».

Kirillov ha anche identificato una serie di altri progetti a cui è stata attribuita la diffusione di malattie, come l’influenza suina africana, non solo in Ucraina ma anche in altri Paesi dell’Europa orientale.

Come riportato da Renovatio 21, una settimana fa Irina Yarovaya, vicepresidente della Duma di Stato russa e copresidente della Commissione investigativa sulle attività dei laboratori biologici statunitensi in Ucraina, ha praticamente sostenuto che i biolaboratori ucraini finanziati dagli USA sarebberoparte di un’operazione militare.

La stessa Duma ha invitato a Mosca Victoria Nuland per testimoniare, ma è molto difficile che la Nuland si presenti al parlamento russo.

Il Pentagono al momento ha ammesso di aver finanziato ben 46 laboratori ucraini.

È stata avanzata anche l’idea che vi possa essere una connessione tra i biolaboratori ucraini e il COVID.

Il ministero della Difesa russa aveva fatto uscire un documento che mostrava come nel sistema delle attività biologiche statunitensi fossero coinvolti big del Partito Democratico e le Big Pharma. Secondo i russi, in Ucraina il Pentagono faceva esperimenti anche sul coronavirus di pipistrello.

Le autorità russe in questi mesi sono arrivate a parlare di un possibile dell’attacco che i russi della zona di Lugansk avrebbero subito con il patogeno della TBC.

Leggi anche:   2020 - Muore a 103 anni l'attore USA Kirk Douglas

La Russia è attiva anche nel Consiglio Sicurezza ONU per presentare le prove contro i biolaboratori Ucraina-USA.

Fonte:
Renovatio 21
Questo post ti è piaciuto? Condividilo:

Lascia un commento