Santa Clelia Barbieri

Tempo stimato di lettura: 2 minuti

Quella di papà e mamma è una contrastata storia d’amore che fa scandalo. Lei, della famiglia più benestante del paese e nipote del medico condotto, va ad innamorarsi di un servo di campagna, di sette anni più giovane di lei. Lo sposa contro la volontà dei suoi e facendosi cacciare di casa, e va a vivere nella catapecchia dei suoceri.

L’anno dopo, nel 1847, in contrada Le Budrie di San Giovanni in Persiceto le nasce la prima bimba, Clelia, e tre anni dopo la seconda, Ernestina. Il suo non è stato un capriccio o una semplice infatuazione, ma l’inizio di una famiglia unita, saldamente fondata sul Vangelo. E’ grazie a lei e ai suoi insegnamenti che le bimbe crescono, innamorate di Gesù.

Dopo appena nove anni di matrimonio papà muore, portato via dal colera, e allora la famiglia di lei si ammorbidisce nei confronti della vedova e delle piccole orfane. Clelia, soprattutto, si dimostra straordinariamente matura, a 11 anni riceve la prima comunione e da quel giorno la sua vita assume un’impronta marcatamente eucaristica. Ha la fortuna di trovare una guida impareggiabile nel giovane parroco, che le fa sentire l’importanza della catechesi, soprattutto verso le persone più semplici e meno acculturate.

Nella diocesi di Bologna vengono chiamati “operai della dottrina cristiana” quanti si impegnano con stabilità e continuità a fare catechismo e Clelia, a 14 anni, entra a far parte del gruppo parrocchiale. Sa leggere e scrivere a malapena e quindi viene collocata all’ultimo posto della lista, catechista “di riserva” che dovrà fare un lungo tirocinio prima di essere all’altezza della situazione. Ma Clelia brucia le tappe e diventa presto l’anima del gruppo, che proprio grazie a lei riprende vitalità.

Leggi anche:   San Pio X, Papa

Soprattutto con tre “operaie” si stabilisce un’amicizia e una comunità di intenti che le spinge a sostenersi a vicenda nel cammino della perfezione, a istruirsi ed a lavorare insieme. Le quattro amiche cominciano a pensare di vivere insieme, in una piccola comunità che si inserisca come lievito nella vita parrocchiale.

Nasce così la “famiglia di Clelia”, perseguitata dalle autorità e dalle malelingue, che vive in povertà estrema affidandosi alla Provvidenza, che misuratamente ma costantemente non le fa mancare il necessario per la vita di ogni giorno. In parrocchia comincia a crescere l’ammirazione e la stima per Clelia, che spontaneamente viene chiamata “Madre” a dispetto dei suoi 22 anni: è un implicito riconoscimento del fascino che esercita e dell’autorità che le è riconosciuta.

Mentre la “famiglia” cresce, comincia a declinare la salute di Clelia, in preda alla tubercolosi. Muore il 13 luglio 1870, promettendo di essere sempre presente tra le sue “sorelle” alle quali neppure ha dato un nome. Ha 23 anni appena, è la più giovane fondatrice della Chiesa, ma “vede” e “sente” l’espandersi di quella sua piccola comunità, alla quale verrà poi dato il nome di Minime dell’Addolorata.

Nel primo anniversario della morte, le “sorelle” riunite nella camera in cui è spirata sentono per la prima volta la voce di Clelia che prega insieme a loro. Un fenomeno che, da allora in poi, si è ripetuto ed è stato documentato più di 150 volte, segno meraviglioso della comunione dei santi che lega quelli che sono quaggiù a quelli che già sono lassù.

Clelia Barbieri è stata proclamata beata da Paolo VI nel 1968 e canonizzata da Giovanni Paolo II nel 1989.

Questo post ti è piaciuto? Condividilo:

Lascia un commento