San Giacomo Apostolo

Tempo stimato di lettura: 2 minuti

Giacomo, detto il Maggiore, era il fratello più anziano di Giovanni evangelista e sarà il primo apostolo a versare il sangue, venendo decapitato come raccontano gli Atti degli Apostoli (12, 1-3).

Figlio di Zebedeo – pescatore e socio di Simon Pietro in questa attività – e di Salome, una delle donne che seguivano i dodici per aiutarli economicamente, fu uno dei tre discepoli privilegiati di Gesù, essendo testimone della subitanea guarigione della suocera di Pietro, della resurrezione della figlia di Giairo, della trasfigurazione di Gesù sul monte Tabor e della sua agonia nel Getsemani. Fu ancora lui a chiedere al Maestro informazioni sulla fine del mondo.

Fonti tardive, dopo il secolo VII, che parlano di una sua presenza evangelizzatrice in Spagna, non sono confermate dalla presunta scoperta in Galizia delle sue reliquie nel secolo IX da parte del vescovo Teodomiro di Iria, in un sepolcro dei tempi romani, tanto più che Venanzio Fortunato, al secolo VI, attestava che il corpo dell’apostolo si trovava a Gerusalemme. Tuttavia, dal secolo IX il suo culto servì non solo a designarlo protettore della fede e della libertà contro i mori, ma anche a fare di Compostella uno dei maggiori centri di pellegrinaggio nel Medioevo, dopo Gerusalemme e Roma. Anche nell’America colonizzata dagli spagnoli si trovano città che portano il suo nome come Santiago del Cile, di Cuba e del Estero.

Dopo l’ascensione di Gesù al cielo, secondo il Breviario romano, Giacomo predicò in Giudea e Samaria convertendo moltissimi alla fede cristiana. Se non c’è prova storica che si sia recato in Spagna, è certo che, alla seconda persecuzione scatenata in seguito alla lapidazione di santo Stefano, ne seguì una terza contro la Chiesa di Gerusalemme ad opera di Erode Agrippa I, re dei giudei dal 41 al 44, e Giacomo ne fu vittima. Secondo un’antica tradizione, avrebbe convertito colui che lo accompagnava al supplizio, facendone suo compagno di martirio.

Leggi anche:   San Serapio, martire mercedario

Dal secolo XII, è rappresentato come un pellegrino con la conchiglia, una sacca da viaggio e il bastone in mano.

Questo post ti è piaciuto? Condividilo:

Lascia un commento