Al vertice NATO di Madrid, la Finlandia è stata invitata ad aderire all’Alleanza. Cosa significa questo per la Finlandia?
Se il presidente russo Vladimir Putin violerà il confine finlandese, lungo 830 miglia, gli Stati Uniti si schiereranno in difesa di Helsinki e combatteranno la Russia al fianco della Finlandia.

Cosa significa per l’America l’adesione della Finlandia alla NATO? Se Putin dovesse entrare militarmente in Finlandia, gli Stati Uniti entrerebbero in guerra contro la più grande nazione del mondo con un arsenale di 4.500-6.000 armi nucleari strategiche e da battaglia.

Nessun presidente della Guerra Fredda si sarebbe sognato di prendere un impegno del genere: rischiare la sopravvivenza della nostra nazione per difendere il territorio di un Paese lontano migliaia di chilometri che non ha mai rappresentato un interesse vitale per gli Stati Uniti.

Entrare in guerra con l’Unione Sovietica per la salvaguardia del territorio finlandese sarebbe stato considerato una follia durante la Guerra Fredda.

Ricordiamo: Harry Truman si rifiutò di usare la forza per rompere il blocco di Berlino di Joseph Stalin. Dwight Eisenhower si rifiutò di inviare truppe statunitensi per salvare i combattenti per la libertà ungheresi che venivano investiti dai carri armati sovietici a Budapest nel 1956. Lyndon B. Johnson non fece nulla per aiutare i patrioti cechi schiacciati dagli eserciti del Patto di Varsavia nel 1968. Quando Solidarność di Lech Walesa fu distrutta su ordine di Mosca in Polonia nel 1981, Ronald Reagan fece dichiarazioni coraggiose e inviò macchine Xerox.

Mentre durante la Guerra Fredda gli Stati Uniti rilasciavano dichiarazioni annuali di sostegno alle “nazioni prigioniere” dell’Europa centrale e orientale, la liberazione di queste nazioni dal controllo sovietico non è mai stata considerata così vitale per l’Occidente da giustificare una guerra con l’URSS. In effetti, nei 40 anni di guerra fredda, la NATO, iniziata nel 1949 con 12 Paesi membri, ne ha aggiunti solo altri quattro: Grecia, Turchia, Spagna e Germania Ovest.

Leggi anche:   Draghi sempre più corteggiato, M5S sempre più nel caos: voto anticipato più vicino

Tuttavia, con l’invito alla Svezia e alla Finlandia ad aderire come 31esima e 32esima nazione a ricevere una garanzia di guerra ai sensi dell’articolo 5, la NATO avrà raddoppiato il numero dei suoi membri da quando si pensava – certamente da parte dei russi – che la guerra fredda fosse finita.

Tutte le nazioni che un tempo facevano parte del Patto di Varsavia di Mosca – Germania Est, Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia, Romania, Bulgaria – sono ora membri di una NATO guidata dagli Stati Uniti e diretta contro la Russia. Anche tre ex repubbliche dell’URSS – Estonia, Lettonia, Lituania – sono ora membri della NATO, un’alleanza militare formata per contenere la nazione a cui appartenevano durante la Guerra Fredda.

La Lituania, che ha il 2% della popolazione russa, ha appena dichiarato un blocco parziale delle merci che attraversano il suo territorio verso Kaliningrad, l’enclave russa sul Mar Baltico. Alle proteste di Putin, Vilnius ha ricordato a Mosca che la Lituania è membro della NATO.

È un dettame della politica geostrategica che una grande potenza non dovrebbe mai cedere a una potenza minore la capacità di attirarla in una grande guerra.

Nel 1914, la Germania del kaiser diede all’alleato austriaco un “assegno in bianco” per punire la Serbia per il suo ruolo nell’assassinio dell’arciduca Francesco Ferdinando, erede al trono austriaco. Vienna incassò l’assegno del kaiser e attaccò la Serbia, dando inizio alla Grande Guerra del 1914-1918.

Nel marzo 1939, Neville Chamberlain rilasciò una garanzia di guerra alla Polonia. Se la Germania avesse attaccato la Polonia, la Gran Bretagna avrebbe combattuto al suo fianco. Forti di questa garanzia di guerra dell’Impero britannico, i polacchi fecero ostruzionismo a Hitler, rifiutandosi di parlare con Berlino delle rivendicazioni tedesche sulla città di Danzica, sottratta alla Polonia durante la Conferenza di pace di Parigi del 1919. Il 1° settembre 1939, Hitler attaccò e la Gran Bretagna dichiarò guerra, una guerra che durò sei anni e ferì mortalmente l’Impero britannico. E la Polonia? A Yalta, nel 1945, Winston Churchill accettò che la Polonia occupata dai sovietici rimanesse sotto la custodia di Stalin.

Leggi anche:   Taiwan, Nancy Pelosi atterrata a Taipei: Difendere la democrazia. La Cina annuncia azioni militari

Putin è un nazionalista russo che considera la disgregazione dell’URSS come la più grande calamità del XX secolo, ma non è il solo responsabile delle miserevoli relazioni tra i nostri Paesi. Noi americani abbiamo svolto un ruolo di primo piano in quella che si sta configurando come una seconda guerra fredda, più pericolosa della prima. Nell’ultimo quarto di secolo, dopo che la Russia ha sciolto il Patto di Varsavia e ha lasciato che l’URSS si dividesse in 15 nazioni, abbiamo spinto la NATO, creata per contenere la Russia, nell’Europa centrale e orientale.

Nel 2008, i neocon hanno spinto la Georgia ad attaccare l’Ossezia del Sud, provocando l’intervento russo e la sconfitta dell’esercito georgiano. Nel 2014, i neocon hanno spinto gli ucraini a rovesciare il regime filorusso eletto a Kiev. Quando ci sono riusciti, Putin si è impadronito della Crimea e di Sebastopoli, da secoli base della flotta russa del Mar Nero.

Nel 2022, Mosca ha chiesto agli Stati Uniti di impegnarsi a non far entrare l’Ucraina nella NATO. Noi ci siamo rifiutati. E Putin ha attaccato. Se i russi ritengono che il loro Paese sia stato spinto contro un muro dall’Occidente, possiamo biasimarli? Gli americani sembrano ignorare i cupi avvertimenti russi secondo cui, piuttosto che accettare la sconfitta in Ucraina, l’umiliazione della loro nazione, l’accerchiamento e l’isolamento, ricorreranno alle armi nucleari tattiche.

È davvero saggio liquidare questi avvertimenti come “tintinnar di sciabole”?

Pat Buchanan non è un signor nessuno: consigliere prima di Nixon, poi di Ford e quindi di Reagan, è uno degli esponenti di punta del movimento conservatore USA. Una voce ascoltata, che ha anche contatti stretti con la base e un’enorme cultura ed esperienza politica. Vogliamo qui riportarvi un articolo dal suo blog ufficiale nel quale si analizza la situazione delle relazioni USA-Russia e la possibilità reale di un conflitto, il tutto da un punto di vista conservatore.